Servono dirigenti sportivi all’altezza

sfondo 48Molto interessante l’articolo di  oggi sul Sole 24 ore a firma Marco Bellinazzo nella rubrica Calcio e Business perché si
aggancia alla strategia pensata per l’Inter e suoi sviluppi societari. L’articolo parla della società West Ham, squadra che gioca in Premier League e che solitamente si colloca a metà classifica nei vari campionati giocati negli ultimi anni.
Ebbene, la Società ha annunciato di aver chiuso l’esercizio 2014 con profitti record per 13 milioni di euro, un significativo balzo in avanti rispetto al passivo di 4,5 milioni ottenuto nel bilancio precedente. Una stagione non certo di alto livello, col tredicesimo posto nella scorsa edizione della Premier League, che però – continua Bellinazzo- non ha minimamente inficiato i risultati economici del club londinese. Ci ha colpito questo articolo perché i ricavi televisivi hanno ottenuto il maggiore aumento: dai 66,2 milioni del 2013 si è passati ai 96,3 milioni del 2014. I soli introiti televisivi rappresentano il 65,7% del fatturato totale del West Ham!
Colpisce infine il fatto che le spese del club scendono leggermente nonostante un aumento dei costi salariali dovuto a staff e giocatori. Conclude Bellinazzo segnalando che il rapporto tra stipendi e fatturato è sceso dal 62,6% al 55,6%, punto più basso mai raggiunto dal West Ham negli ultimi quindici anni. Ricordiamo che il West Ham è una squadra medio-alta in Premier eppure ha raggiunto risultati ottimi grazie ai diritti televisivi. Quindi se per un verso la strada intrapresa dalla Società Inter è corretta, può dare tangibili risultati economici solo se c’è una squadra che gioca bene, ottiene risultati rivelandosi attraente a livello internazionale al punto da avere importanti introiti televisivi. Tutto logico, consequenziale, ma manca ancora un piccolo particolare, caro Thohir e soci, l’abbiamo già scritto e lo ripetiamo: è arrivato il momento di scegliere dirigenti sportivi all’altezza per non perdere importanti occasioni e giocatori. Fare una squadra vera e seguire le indicazioni di Mancini, non bastano dirigenti marketing e di gestione finanziaria, anzi. Forse Thohir è stato informato che Mancini ha direttamente telefonato a Podolski per sbloccare una situazione di stallo? Che Mancini -riportato oggi dal Corriere dello sport – ha incontrato direttamente il procuratore di Shaqiri? Forza Signori, l’idea è buona ma passiamo ai fatti e con le persone giuste! Solo così ci saranno tanti tifosi allo stadio e nel mondo vedendola in TV a gridare FORZA INTER.

 

3 thoughts on “Servono dirigenti sportivi all’altezza

  1. Mancini praticamente sta facendo il manager all’inglese con pieni poteri sull’acquisto dei calciatori ed io sono molto favorevole a questa soluzione. E’ chiaro però che non potrà sempre muoversi lui in prima persona per andare a parlare con calciatori e procuratori. Serve un direttore sportivo in sintonia con le sue idee, una persona all’altezza della situazione, possibilmente di riconosciuto spessore anche a livello internazionale.
    Purtroppo in questi anni troppe volte siamo andati all’estero e ci siamo fatti ridere dietro o ci siamo esposti a delle figuracce incredibili (penso per esempio a Forlan che non poteva disputare la Champions e noi non lo sapevamo).
    Tutto questo deve finire perchè l’inter è un top club e queste grandi società devono essere gestite da top manager… in tutti i settori caro Thohir, non solo nel marketing!!

  2. Anche per questo e’ fondamentale avere un allenatore bravo con una certa immagine! A propostio andate a leggere le dichiarazioni dell’intermediario nell’affare podolski:ha detto che senza mancio e con l’allenatore di prima(mazzarri) nemmeno sarebbe iniziata la trattativa! Forse sbaglio,ma aspetterei a bocciare in Toto ausilio,magari anche lui può beneficiare dell’arrivo di mancini e comunque Sara’ obbligato a far bene perché l’alibi “mazzarri” non c’è più per nessuno! Peccato non aver cacciato il metereologo in estate

  3. Tutto cio’ comprova la bontà di quanto andavamo sostenendo sulla necessità di una guida tecnica all’altezza dell’Inter: dai risultati attuali, ne afferriamo tutte le ragioni. Se pensiamo che Mazzarri parlava di acquistare Campagnaro, Maggio…senza capacità di mettere il naso oltre le Alpi, ci rendiamo conto della differenza. Mi auguro che Thohir cominci ad avere lumi e si renda conto dell’esigenza di dirigenti all’altezza. Speriamo ma ne saro’ certo a fatti avvenuti. Percui, condivido e mi associo alla richiesta di Lupo.

Lascia un commento