Pagelle

Le pagelle di Inter-Empoli 2-1

icardi gol empoli 2016Handanovic 6 Gela tutti nel postpartita esternando ancora una volta i suoi dubbi amletici sulla sua permanenza in nerazzurro, mentre in campo poco lavoro, può poco sul gol.

D’ambrosio 6 Si fa vedere in avanti spesso nel primo tempo, ma è tra i molli nell’azione del pareggio empolese, dove rientra blandamente. Ripresa sotto tono, come quasi tutti.

Miranda 6,5 Il duello tutto mestiere ed esperienza con Maccarone è il più bello della partita, intorno ci sono molti compagni distratti e la sua presenza è determinante per evitare guai peggiori.

Jesus 5,5 Gli avversari ormai conoscono tutte le sue ingenuità, Pucciarelli lo prende alle spalle come già hanno fatto tanti attaccanti della serie A e a 26 anni non si può più parlare di inesperienza. Urla e parole con Mancini, come riferito dall’inviato a bordocampo di Sky.

Nagatomo 6,5 Professionista esemplare, uno dei pochi ad onorare l’impegno con concentrazione e continuità e a impegnarsi anche nel secondo tempo, diverse le sortite in avanti e più di una diagonale difensiva decisiva.

Melo 5,5 Non dà solidità e ha poca visione di gioco, imperdonabili le due palle perse davanti all’area, una al 27′ e una nel finale che poteva costare carissimo.

Kondogbia 6 Anche lui perde un rovinoso pallone nel finale, ma gioca meglio del compagno di reparto, più intraprendente e brillante di gambe, ancora grezzo tatticamente, ma conferma il finale di stagione in netta crescita e ai microfoni di Inter Channel promette, “resto sicuramente”.

Brozovic 5,5 Primi venti minuti ispirato e geometrico, poi, emblema di questa squadra, perde completamente continuità. Prima largo a destra, poi a sinistra, poi trequartista atipico e infine interno di destra, conferma comunque il suo eclettismo.

Jovetic 6 Nei primi minuti spezza l’equilibrio della mediana empolese ed è sempre nel vivo del gioco, diligente anche in copertura su Paredes o su uno dei due centrali, ma anche lui nel corso della partita si perde ed è poco concreto.

Perisic 6 Un gol e un’assist lo rendono inattaccabile, in realtà anche lui nel secondo tempo per larghi tratti cammina e concede molto spazio alle sortite di Zambelli.

Icardi 6,5 Gol non banale, potente e preciso sotto la traversa, non così facile. Poi fallisce una grande occasione che si era procurato di fatto da solo con una gran giocata. Lui da tempo si è messo al servizio della squadra, ma la squadra continua a fornirgli pochi palloni. Esce per infortunio nella ripresa.

Eder 5,5 Fa il falso nueve con risultati scarsi, non sembra brillante fisicamente.

Biabiany 5,5 Fallisce due occasioni che potevano chiudere la partita, sparacchiando alto e poi non agganciando in area il pallone.

Medel sv