Pagelle

Le pagelle di Empoli-Inter 0-1

ljajic empoliHandanovic 7 Bagna il 2016 con un intervento non impeccabile su punizione di Maccarone, poi non sbaglia quasi più nulla, s’inventa libero due volte prendendo botte dagli avversari, salva il risultato nella ripresa con un grande intervento sul diagonale di Saponara. Determinante quanto Icardi.

D’ambrosio 6,5 Partita convincente, compatto nella fase difensiva, si disimpegna bene in tante situazioni spigolose e serve un paio di cross interessanti nel primo tempo. Nella ripresa tiene la posizione.

Miranda 6,5 Ancora una gara essenziale con interventi sempre al momento giusto, nel finale sbroglia due situazioni pericolose, anche se concede una punizione dal limite.

Murillo 5,5 Gioca una buona partita, ma sporcata da una serie di appoggi e disimpegni sbagliati che creano non pochi imbarazzi.

Nagatomo 6 Perde un pallone rovinoso, ma è Ljajic a metterlo in difficoltà con un passaggio a mezza strada. Per il resto buona gara, meno stabile degli altri difensori, ma soffre poco e nella ripresa si offre in avanti.

Brozovic 5,5 Nel primo tempo ci mette un po’ di qualità, ma soffre i centrocampisti dell’Empoli, nella ripresa sbaglia una serie di conclusioni a rete.

Medel 5,5 La grinta c’è sempre, ma non è il solito tappa buchi, anche se la cosa non desta grosse preoccupazioni, probabilmente tornerà nei suoi standard domenica prossima.

Kondogbia 5,5 Primo tempo troppo ciondolone e timido in area quando rinuncia al tiro in una buona situazione, ma anche due grandi sgroppate. Secondo tempo generoso dove copre sia la mezz’ala che la fascia destra. Bersagliato dalla critica, comunque in crescita.

Perisic 6 Qualche giocata utile e nulla più per 46 minuti, poi sforna un grande assist per il gol-partita di Icardi. Nella ripresa si sacrifica coprendo tutta la fascia.

Icardi 6 “Entra” in campo al 46′ per fare quello per cui è pagato, il gol. Va bene così.

Ljajic 6,5 Parte largo a sinistra, poi svaria per tutto il primo tempo, nella ripresa si stabilisce alle spalle di Icardi dando l’impressione di avere più visione di gioco di Jovetic e che quella sia la sua posizione, da cui sarà ora difficile toglierlo. Comunque non è tutto perfetto, assonnato nel primo tempo come gli altri attaccanti e centrocampisti, ma nella ripresa c’è in tutte le azioni nerazzurre.

Guarin sv

Jovetic sv

Jesus sv