C’è un equivoco, anzi due, anzi tre, anzi…

kovacic toroCi sono parecchi equivoci che sono emersi prepotentemente nelle ultime partite dell’Inter. Il primo è l’equivoco Podolski. Anzi, i tre equivoci Podolski.

Il primo è tra Podolski e il calcio italiano. Il tedesco sembra arrivato in Italia con l’idea di giocare e divertirsi, cosa che il malvagio Wenger non gli permetteva in quel di Londra. Ma le cose non stanno così, in Italia il calcio è complicato, non divertente, gli spazi sono stretti e le difese serrate. Bisogna impegnarsi. Il secondo equivoco è tra Podolski e la stampa, che lo ha presentato come un top-player in grado di risolvere tutti i problemi dell’Inter in quanto campione del mondo. Ma ci si è dimenticati di dire che nella Germania Podolski fa la riserva di Klose. Il terzo equivoco è sul ruolo dell’ex Arsenal. Non è un esterno offensivo, è una prima o seconda punta. Non crossa, non punta l’uomo e le cose migliori le fa vicino alla porta. Passiamo agli altri equivoci: anche Shaqiri non è un’ala, come lui stesso ha detto è un n.10, gli piace accentrarsi, non va sul fondo, anche lui non crossa, ma punta al tiro. E poi c’è l’equivoco Kovacic. Lui vorrebbe giocare più arretrato, ma da interno di centrocampo non garantisce copertura alla difesa, sopratutto in un centrocampo a due. Se gioca trequartista però non riesce a smarcarsi e da esterno offensivo sembra un pesce fuor d’acqua. A questo punto permangono grossi dubbi che anche con i nuovi innesti l’Inter possa giocare con un 4-2-3-1 o un 4-3-3. In questo momento il modulo migliore potrebbe essere il 4-3-1-2 con due tra Palacio, Icardi e Podolski in attacco, Shaqiri sulla trequarti e Kovacic in un centrocampo a tre.

4 thoughts on “C’è un equivoco, anzi due, anzi tre, anzi…

  1. Fatemi sapere quando troverete un’adeguata collocazione a Kovacic – così, tanto per conoscenza. Anche tra due o tre anni, non c’è assolutissimamente fretta.
    Bisogna sempre aspettare chi ha margini così enormi di miglioramento. Pure se gioca e dribbla solo in orizzontale, non corre e non fa filtro, non sa tirare e non segna.
    Ma è un campione – deve esserlo per forza, sennò chi lo è.

    1. Kovacic è un interno di centrocampo di grandi qualità nella conduzione della palla, dribbling sul primo tocco e passaggio smarcante in verticale. Ha potenzialità enormi!
      Come ho già detto, purtroppo Mancini è arrivato all’inter poco “aggiornato” sui giocatori della rosa. Ci aveva già provato il piangina a metterlo là davanti con scarsi risultati (addirittura all’inizio lo metteva alle spalle dell’unica punta). Anche con la sua nazionale ai mondiali ha giocato trequartista la prima partita col Brasile (chiuso da Modric e Rakitic a centrocampo) non beccandola mai! non so come ripeterlo… non può giocare spalle alla porta! Facendolo giocare da trequartista non valorizza le sue caratteristiche, deve avere lo spazio per muoversi in verticale, non deve essere già là! E’ un centrocampista puro, come lo utilizzava all’inizio Stramaccioni.
      Mancini purtroppo si è fossilizzato sul 4-2-3-1 ma basterebbe arretrare Kovacic in un 4-3-3 e non giocare col trequartista… non mi sembra una cosa fuori dal mondo!!

      1. Guarda, quelle qualità che hai elencato tu glie le riconosco anch’io. Il fatto su cui spero, ma non credo, di sbagliarmi è che temo che continueremo a vederle solo con il Chievo o con il Sassuolo, queste qualità. Il motivo è che a vent’anni non è più così giovane e gioca ancora troppo male. Non è un fatto di ruolo, gli manca “ritmo basale” cioè per dirla terra terra, corricchia per il campo. Contro la Juve, una banda di fabbri che corrono come dannati, guarda caso non era praticamente in campo. Né lo sarà mai con quelli che corrono più di lui. Spalle alla porta o no. Centrocampista puro o no.

  2. Sono un vero e proprio fan di mateo,lo difendo sempre anche quando e’ indifendibile! Innanzitutto dico di pazientare 3-4 anni perché la sua eta’ ci permette di rivenderlp tra 5 anni guadagnandoci lo stesso. Sul ruolo sono d’accordo che sia una mezzala infatti il piangina dopo un anno aveva trovato il ruolo adatto e devo ammettere che forse mancio potrebbe fare qualcosa a proposito. Ma mi chiedo: se tu mateo sai che partendo da mezzala rendi meglio…dillo a mancini e comunque a prescindere dalla posizione di partenza,vai a cercarti la palla!!! Calcia e tenta il dribbling che se vuoi se un fenomeno. Dovrebbe esser più convinto di se’ stesso….questo glielo imputo!

Lascia un commento