Mazzarri: “Otto partite determinanti”

mazzarri pallaIl giorno dopo il summit con Thohir e i dirigenti, Mazzarri si presenta in conferenza stampa alla vigilia di Livorno-Inter, ma solo una domanda verte sull’incontro di ieri, la risposta è questa: “C’è grande sintonia fra di noi, si è parlato di tante cose, tutte che convergono, quando accetto un mandato è come se la società fosse mia e non ho bisogno di stimoli, non penso mai oltre la partita successiva”. E ancora, “queste otto partite saranno determinanti”. Mazzarri non ha molta voglia di parlare, meno del solito, la conferenza dura solo venti minuti e a molte domande l’attuale allenatore dell’Inter rimanda la risposta a fine stagione, quando sembra intenzionato a togliersi molti sassolini dalla scarpa. Finalmente qualcuno ha il coraggio di fargli notare che ha gli stessi punti di Stramaccioni, scontata la risposta, “La stessa domanda me la faccia tra otto partite, io sono un allenatore serio”. Sappiamo quanto è serio aspettare la fine per fare paragoni, perchè l’Inter di Stramaccioni crollò proprio nelle ultime otto giornate per i motivi che tutti ormai sanno. Per domani sera annunciato un po’ di turnover.

4 thoughts on “Mazzarri: “Otto partite determinanti”

  1. Due cose basilari per tornare grandi:non rinnovare nessun contratto in scadenza e cacciare questo buffone!!! Pero’ temo che gli sara’ concesso un altro anno,data la diversa mentalità di thohir(di ragionare) rispetto a Moratti che secondo me l’avrebbe già cacciato visti i risultati!!! Sono ben altri gli allenatori da Inter

  2. Sa fare due cose in croce, e quelle continua a rifare. E’ un repertorio troppo limitato il suo per poter credere ciecamente in lui come pretende. Poi volere una squadra di prim’ordine sono capaci tutti, esiste al mondo qualcuno che non la vorrebbe una squadra di prim’ordine?? Detto questo preferirei uno che la squadra la fa diventare grande, non chi la vuole pronta..

  3. julio Cesar scoperto, maicon scoperto , Lucio 2 lire, cambiasso a zero, zanetti scoperto, pandev a zero… sneijder cosato come hernaes.. scartato da real come lo fu Samuel…neanche chi ha allenato l’Inter che ha vinto tutto aveva trovato la grande squadra fatta confeazionata e pronta per essere consumata….

Lascia un commento