Calciomercato Inter, considerazioni su Kondogbia e Kurzawa

Kondogbia-monacoSfumato Toulalan, che ha preferito rimanere a Monaco, l’Inter continua a seguire con particolare interesse i giocatori del Principato e in generale sembra aver trovato nel campionato francese e nel calcio est europeo il proprio bacino. E infatti sempre nel Monaco giocano due altri giocatori nel mirino dei nerazzurri: il classe ’93 Kondogbia e il classe ’92 Kurzawa. Il primo è un centrocampista dalle lunghe leve, ma potremmo dire tuttocampista vista la capacità di giocare in tutte le zone del campo. Intensità da calcio moderno, senso dell’anticipo, predisposizione offensiva, ma anche interditiva, è un Yaya Tourè più giovane, meno esperto, ma più elastico e dinamico. Sicuramente sarebbe un ottimo acquisto. Kurzawa è invece un terzino sinistro, l’ho visto giocare per la prima volta ieri sera contro la Juventus e non ha giocato una gran partita. A parte qualche inserimento in area non fruttuoso, si è fatto notare per controlli sbagliati, disimpegni sbagliati, cross abbondantemente fuori misura e ha concesso i cross ad un Lichsteiner non certo irrestibile e non al massimo della forma. Visto una sola volta, non può certo essere un giudizio assoluto sul giocatore, ma ieri ha giocato veramente male.

9 thoughts on “Calciomercato Inter, considerazioni su Kondogbia e Kurzawa

  1. Kondogbia è un grandissimo centrocampista, completo, mancino, buona tecnica abbinata a grande corsa e fisicità.
    Considerazione a parte sulla partita di ieri: la juve è andata avanti solo grazie a sviste arbitrali clamorose sia all’andata che al ritorno. Il Monaco è una squadra complessivamente mediocre. Sento che in molti parlano di triplete ma io dico che ci divertiremo in semifinale! Se la juve si presenta conciata come ieri sera, rischia una figuraccia storica! Parliamo di dieci gol sul groppone fra andata e ritorno (sopratutto con Bayern o Barca).
    Fidatevi, in semifinale gli juventini devono portare il pallottoliere per contare i gol che subiranno. Dopo quelle due partite (che sto aspettando con molta ansia), ci sarà da ridere!!

    1. A questi gobbi quest’anno gira tutto per il verso giusto… Anch’ io speravo ed avevo quasi la certezza come te Time che prendessero goal col pallottoliere, ma hanno pescato la squadra in questo momento più in difficoltà delle 3 grandi..

  2. A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca… Sono anni che la UEFA tenta disperatamente di far arrivare in finale Barcellona e Real (Ronaldo Vs Messi). Stranamente quest’anno hanno aggiunto anche il sorteggio scandaloso delle semifinali con quattro squadre sorteggiate. Veramente ridicolo! In finale guarda caso arriveranno proprio le due spagnole (Barca dovrebbe farcela col Bayern).
    Non parliamo poi del cammino della juve che fino adesso ha disputato l’Europa League, non la Champions League!
    Agnelli e Marotta ringraziano calorosamente il presidente della UEFA (scusate ma non mi ricordo il cognome ma mi sembra che si chiami Michel) per gli introiti che riceverà essendo arrivata fino alle semifinali!
    Per non parlare dell’arbitro scozzese che hanno mandato l’altra sera… non avrebbe fischiato nulla neanche se un carro armato avesse spianato tutti i giocatori del Monaco!
    Mi sembrano troppe e strane coincidenze…

  3. Occhio che nessuna squadra ha vinto la Champions due volte di fila.. il Real è certamente una squadra migliore e con una mentalità più europea, ma secondo me c’è veramente la possibilità che passi la Juve per via di quel dato.. Oltretutto se nessuno l’ha vinta due volte significa che non sempre vince las più forte, altrimenti almeno il Barcellona ce l’avrebbe dovuta fare.. Avesse beccato le altre due li avrei già dati fuori i bianconeri, ma ha beccato proprio quella ..

  4. Certo che tutto sembra un po’ strano. O è fortuna sfacciata oppure c’è “una mano” da qualche parte. Se dovessi far riferimento alla storia, dovrei dire che la “mano” più che “de dios” mi sembra la “mano del diavolo”. Ma non vinceranno la champion. A meno che, nell’altra partita avvengano degli squalificati importanti. La lunga manus puo’ essere dietro l’angolo. Il “dios” denaro non ha limiti. Se è vero che noi italiani siamo i Re della corruzione, non significa che qualche sedicente imitatore, della stessa radice, non esista in altri lidi. Questi signori hanno avuto la faccia del “sacro globo”, di infangare le nostre vittorie. E cio’ che fa male, è che, in questa trappola, abbiano abboccato persino degli interisti-presunti, teste di budino annacquato, affermando essi stessi che l’Inter sarebbe stata fortunata nella conquista del Triplete. Premesso che, in senso lato, la dea bendata vale per tutti i vincitori, ma ricondurre la vittoria dell’Inter in quell’assunto, dopo aver eliminato Chelsea, Barcellona (di quei tempi) giocando il ritorno in 10, e Bayern, sempre di quei tempi, alla finale, è odio stupido e viscerale da parte dei Latrones atavici, nonchè ignominia da parte di alcuni pseudo-interisti, folgorati dalla falsa sacra luce della ingiusta sportività. La settimana scorsa, avendo avuto una discussione con alcuni interisti su questo tema, ho preso la decisione di abbandonare il sito. Mi è stato detto: “noi siamo sportivi, se non ti va fatti un sito tuo”. Sono andato a controllare i loro profili su facebook, ed ho riscontrato che uno, oltre allo stemma dell’Inter ne aveva uno anche della Juve; l’altro, oltre all’Inter aveva il simbolo del Bologna. Succede anche questo.

  5. Vincere una champions richiede sempre una dose di buona sorte, a meno che non ci sia una supremazia schiacciante… ricordo ancora il milan e la nebbia di belgrado…e così anche noi nel 2010… che squadra eroica, in 10 al camp nou con josé che faceva il giro di tutto il campo. Sentire i gobbi che parlano in questo modo mi dà una goduria incommensurabile. Frustrati e disonesti intellettuali. Abituati a primeggiare nel bel paese ed a collezionare grosse figure di merda come varcano le alpi

Lascia un commento