Zanetti ricorda: “Inter mia, a Kiev è nato il Triplete”

sneijder gol alla dinamo kiev
Il gol di Sneijder

Nella sua nuova veste di vicepresidente Zanetti ritorna a Kiev, il luogo dove quel 4 novembre 2009 l’Inter battè la Dinamo Kiev in una gara da inferno e ritorno destinata ad essere un tassello nel raggiungimento di quella Champions attesa dai tifosi per più di 40 anni. «Prima della partita – racconta Zanetti a Tuttosport – José ha attaccato ai muri dello spogliatoio la classifica del girone senza avere nemmeno il bisogno di dirci nulla: bastava guardarla, per rendersi conto che eravamo quasi fuori e che quella sarebbe stata la partita della vita». Lo ricordiamo tutti, l’Inter era sull’orlo di un’ennesima eliminazione dalla Coppa con le grandi orecchie. La bandiera nerazzurra continua a raccontare al giornale torinese: «Nel primo tempo, non funzionava niente e avevamo fatto una fatica terribile e Mourinho, senza perdere un attimo ci disse “Siamo fuori: ora rischio il tutto per tutto”. Tolse Cambiasso e Chivu per mettere Thiago Motta e Balotelli poi, a dieci minuti dalla fine, mise pure Muntari per Samuel e mi disse di fare il centrale, visto che in campo era rimasto un unico difensore, ovvero Lucio». Al Vate di Setubal non mancava certo il coraggio e una buona dose di sfrontatezza che traduceva in tutti gli ambiti della sua profesione, ma quanto rischiasse Mou quella sera lo spiega ancora Javier:dinamo kiev inter 4 non 09 esultanza «Non so se Moratti avrebbe esonerato Mourinho se non avessimo passato il girone, certo è che quella notte ci siamo resi conto che nulla sarebbe stato impossibile per quella Inter. Però, già nella stagione precedente, era scattato qualcosa dopo l’eliminazione con il Manchester a Old Trafford quando Mourinho andò da Moratti e gli disseHa visto, l’atteggiamento è cambiato: mi dia i giocatori giusti e vinceremo anche in Europa“. E così è stato. Però, senza quella rimonta a Kiev non ci sarebbe stato futuro e, oltre alla Champions, ci saremmo giocati pure il prestigio. Ci giocavamo tutto e la rimonta con la Dinamo fu il primo segnale: capimmo che avremmo potuto fare qualcosa di importante» «Inter mia, a Kiev è nato il Triplete». 

IL TABELLINO DI QUELLA SERATA

Dinamo Kiev-Inter 1-2 (21′ Shevchenko, 85′ Milito, 89′ Sneijder)

DINAMO KIEV (4-2-3-1) Bogush; Eremenko, Khacheridi, Almeida, Magrao; Vukojevic, Mikhalik; Shevchenko, Ninkovic, Yarmolenko; Milevskiy (dal 25’ s.t. Gusev) (Rybka, Betao, Ghioane, Kravets, Mandzyuk, Zozulya). All. Gazzaev.
INTER (4-3-1-2) Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel (dal 34’ Muntari), Chivu (dal 1’ s.t. Balotelli; Zanetti, Cambiasso (dal 1’ s.t. Motta), Stankovic; Sneijder; Eto’o, Milito (Toldo, Materazzi, Vieira, Mancini) All. Mourinho.
ARBITRO Layec (Francia)
NOTE ammoniti Samuel, Lucio; Magrao, Mikhalik. Spettatori quindicimila. Tiri in porta 1-7. Tiri fuori 3-9. Angoli 3-8. In fuorigioco 3-1. Recuperi 1’ primo tempo, 2’ secondo tempo

 

3 thoughts on “Zanetti ricorda: “Inter mia, a Kiev è nato il Triplete”

  1. quella partita appartiene alla prima parte della stagione,, quando c’erano ancora Vieira, amantinio mancini.. non era ancora stato preso pandev.. non avevano ancora cambiato modulo,, personalmente non la includerei tra le imprese dell’Inter del triplete. eravamo ancora in fase di evoluzione,, questo dimostra che non è mai troppo tardi…

  2. per me siamo diventati l’Inter del triplete solo dopo l’arrivo di pandev, è atrivato lui ed è nata l’untetvdel triplete…. non perché pandev era un fenomeno, ma perche il suo inserimento ha spostato, completato, perfezionato, l’Inter,, detto questo mourinho raccontava a ibra e ad oriali che avremmo vinto la champions un anno prima di vincerla, quando ibra c era ancora, e tutti gli altri no,,, sneider luicio ed eto’o non erano nemmeno dele ipotsi… quindi c’era già la volontà di vincere.. quello ha reso più facile il resto..

  3. cmq pensate a quelli che sono andati via a gennaio e pochi mesi dopo hanno visto l’inter vincere tutto senza di loro… tra gli altri anche Jimenez, suazo… il lato crudele delle finestre di mercato di gennaio…..

Lascia un commento