Calcio estero

La nuova premier League e una bella favola

La nuova stagione della Premier League prenderà avvio il prossimo 12 agosto. Per i bookmakers la squadra favorita per la vittoria della stagione 2017-2018 della massima serie inglese è il Manchester City a quota 2,75. Un gradino dopo Manchester United e Chelsea entrambe a quota 4,00. Seguono poi Tottenham (10,00), Liverpool (12,00) e Arsenal (13,00). Ricordando che anche lo scorso campionato il City era considerato il favorito c’è però da segnalare che la stagione scorsa si è chiusa con la vittoria del Chelsea di Antonio Conte, che non era favorito ed ha approfittato di non avere le coppe per dominare dall’inizio alla fine il campionato. Quest’anno i Blues saranno impegnati anche in Champions League e di conseguenza potrebbero perdere forza in campionato. Ecco perché le grandi favorite sono le due di Manchester, il City e lo United, o se si preferisce Guardiola e Mourinho. Ma attenzione, il calciomercato è ancora in corso e potremmo assistere a grandi acquisti o cessioni prima dell’inizio del campionato. Comunque un primo bilancio dà ancora la Premier League come quella che ha sostenuto le spese maggiori in Europa e il Manchester United al primo posto, specie per gli 85 milioni di euro spesi per Lukaku come sostituto di Ibrahimovic, tenendo anche conto del possibile acquisto di Perisic dall’Inter. Segue l’Arsenal con l’acquisto di Alexandre Lacazette con 60 milioni, la cifra più alta mai spesa nella storia del club. Terzo infine il City con i milioni per Kyle Walker dal Tottenham e il portoghese Bernardo Silva dal Monaco. Ma ripetiamo non è finita, ci aspettano altre sorprese. Concludiamo però, parafrasando uno storico film di anni fa, parlando di Wayne Rooney e del suo ritorno al passato. A 31 anni, infatti, Rooney torna all’Everton, la sua squadra che aveva lasciato nel 2004 a 18 anni per andare al Manchester United. Grande il risalto dato da tutti i giornali non solo in Inghilterra, perché è una specie di ritorno del figliol prodigo, appunto un ritorno al passato di un giocatore, una persona che ha ammesso di dormire col pigiama dell’Everton e che a 18 anni indossava la maglia con scritto “Once a Blue Always a Blue” (Una volta Blu – colori della maglia dell’Everton – sei sempre Blu ). Insomma una bella favola e chissà se un giorno succederà a un grande giocatore dell’Inter.