E ora?

eder alexSì, è vero, abbiamo soppravvalutato questa squadra. Siamo stati troppo tifosi e quel primo posto cullato nella prima parte di stagione ci ha fatto sognare. Ma ora i valori del campionato stanno emergendo prepotentemente, Napoli e Juve che si giocano lo scudetto, Fiorentina terza e Inter da quarto posto, con alle spalle Milan e Roma. E la rosa attuale rispecchia i valori, siamo una squadra da quarto posto, la Fiorentina ha più gioco e più tecnica, centrocampisti come Vecino e Borja Valero sono di gran lunga superiori a tutti i centrocampisti della rosa dell’Inter. E ora? A questo punto siamo a un bivio, dalla collocazione “naturale” di quarti possiamo o con uno sforzo immane strappare il terzo posto ai viola, oppure crollare facendoci superare anche da Roma e Milan e chiudendo settimi. La nostra storia, non si scappa, ci dice che la tendenza è quella di sbracare, da crisi così profonde difficilmente l’Inter si rialza e già si vede la solita seconda parte di stagione a cui l’Inter ci ha abituati negli ultimi anni. Sarebbe bello però se per una volta fosse il contrario. (Prosegue sotto)

honda jesusSarebbe anche bello che l’Inter avesse solo un problema, da eliminare per risolvere tutti i problemi, se fosse solo Mancini il problema, o il centrocampo senza piedi buoni, o gli attaccanti “fighette”, o la società o i tifosi che fischiano, o i giornalisti cattivi. No, a parte il fatto che ci sono alcuni elementi che proprio non sono da Inter, ma il problema non è nemmeno quello, così come ci vorrebbe un maggiore impegno da parte di altri elementi, Jovetic, Icardi e Brozovic, tanto per fare nomi, a volte sono indisponenti. Ma bisogna tracciare una riga e ripartire dalle cose semplici. Intanto chi gioca bene andrebbe fatto giocare, uno come Telles quante partite ha sbagliato fin qui? Nessuna, eppure non gioca quasi mai. Poi uno dei problemi principali è che i centrocampisti non riescono a servire gli attaccanti, serve un raccordo tra i due reparti, ci vuole un trequartista tra le linee, quindi basta con i 4-4-2 e i 4-3-3 lineari, ma ci vuole un 4-3-1-2 o 3-4-1-2, troppo sbilanciato invece il il 4-2-3-1. Poi bisogna evitare le mazzarate, cosa c’entra l’arbitro dopo una sconfitta del genere? Nulla. Mancini viene espulso perchè chiede un rigore che non c’era, a Icardi viene fischiato un rigore a favore per un mezzo fallo, a diversi giocatori dell’Inter viene abbonato il giallo così come ad Alex in occasione del rigore. Purtroppo non resta che cercare di rimediare ad una stagione iniziata con l’errore di vendere Kovacic, con una rosa assemblata male e costruita male, arrivando in gennaio a vendere un centrocampista per sostituirlo con… un altro attaccante. Speriamola!

8 thoughts on “E ora?

  1. Nelle ultime tre righe c’è la storia dell’inter di questa stagione! Avevamo già detto in estate della follia di vendere Kovacic! La verità è che ci siamo fatti tutti incantare dallo charme di Mancini! Lui poteva fare qualsiasi cosa perchè era il salvatore della patria! Sto usando il verbo al passato perchè adesso anche i manciniani più convinti stanno scendendo dal carro!
    Che non fosse un genio della panchina ce n’eravamo già accorti negli anni dell’inter e del City, dove ha rimediato sempre figuracce in ambito europeo. Che però potesse combinare simili disastri anche nella gestione dello spogliatoio e della comunicazione, questa è stata un’amara sorpresa!
    Il peccato mortale di Mancini è stato voler assemblare il centrocampo in questo modo. Kondogbia giocava in un Monaco prettamente difensivo con al fianco un regista, un uomo di equilibrio come Toulalan. Non gli si poteva chiedere di fare Yaya Touré. E’ stato mandato allo sbaraglio in un centrocampo muscolare, privo di qualsiasi idea di gioco.
    Non ho avuto tempo di controllare, ma non è accettabile vedere 22 formazioni diverse, una girandola vorticosa di giocatori mandati allo sbaraglio senza una chiara strategia. Com’è possibile che tu la domenica schieri Montoya titolare e tre giorni dopo lo cedi al Betis? Com’è possible che un giocatore come Santon scomparso dai radar lo schieri titolare nel derby!
    Scelte assurde e incomprensibili di un allenatore che ha perso completamente la testa e il controllo della squadra!
    Fortunatamente adesso abbiamo 2 partite “facili”, ideali per prendere una boccata d’ossigeno. Se le cose dovessero andar male penso che la situazione a San Siro possa diventare incandescente, sopratutto per Mancini che, per quanto riguarda l’affetto del tifo interista, è ai minimi storici!
    E’ chiaro che se la situazione dovesse precipitare bisogna prendere in seria considerazione l’idea del traghettatore, per poi affidare la squadra la prossima stagione ad un grande allenatore in grado di far tornare l’inter ai vertici in Italia e poi in Europa.
    Le possibilità di un clamoroso ritorno di Mourinho sono poche lo so, ma attenzione perchè le grandi squadre si stanno quasi tutte sistemando per quanto riguarda la panchina della prossima stagione. Quasi sicuramente andrà allo United (il city ha appena annunciato Guardiola), però se i Red Devils dovessero invece clamorosamente cambiare obbiettivo, allora l’occasione sarebbe troppo ghiotta per lasciarcela sfuggire!!

  2. Francesco, non so se sei d’accordo anche te. Ho sentito oggi un’analisi molto lucida sui motivi di questa situazione dell’inter. A Mancini è stata data carta bianca sul mercato! Ha scelto lui quasi tutti i giocatori (sempre nei limiti del fpf), comprese le cessioni. Kovacic non è stato ceduto per il bilancio ma perchè Mancini voleva parecchi giocatori da inserire in rosa, in primis Kondogbia e quindi il croato ha finanziato anche il mercato dell’inter oltre a fare una plusvalenza!
    E’ stato questo il gravissimo errore della società! Non mettere al fianco di Mancini un dirigente sportivo forte e di carisma che fosse in grado di dire a Mancini :”Aspetta un attimo, fermiamo tutto e ragioniamo un pò! Kondogbia a 40 lasciamolo andare al milan e ci teniamo Kovacic. Melo se lo vuoi prendere lo paghi tu con i tuoi soldi e lo fai giocare nel tuo giardino di casa! Scegli o Ljajic o Jovetic, non tutti e due! Poi ci buttiamo su un buon attaccante che sappia fare coppia con Icardi o anche sostituirlo”!
    Invece han detto sempre di sì (Stankovic è amico di Mancini e Zanetti dirigente lasciamo perdere che è meglio) e adesso ci ritroviamo con una squadra costruita, come hai detto te, molto male!
    Gli acquisti buoni sono stati i centrali di difesa, Perisic che in una squadra che funziona può dare un contributo importante e Telles che tutto sommato forse è il miglior terzino in rosa. Ljajic pensavo peggio ma è un giocatore che non farà mai la differenza! Eder è da valutare in una grande squadra.
    E adesso mi dici cosa ce ne facciamo di tutti questi mezzi giocatori quando l’estate prossima il signor Mancini farà i bagagli e saluterà l’inter?? Verrà esonerato o se ne andrà lui, poco importa. A mio parere Roberto Mancini non sarà più sulla panchina dell’inter la prossima stagione!

    1. Time, purtroppo la cessione di Kovacic è stato un grande errore, così come voler mettere la qualità solo negli ultimi 30 metri. Quando Mancini prese Melo non dissi niente, mi sono voluto fidare visto che non lo vedevo giocare da dieci anni e Mancini lo aveva avuto in Turchia. Su Kondogbia invece ci siamo cascati tutti, ci siamo fatti trascinare dalla demagogia di aver vinto un derby di mercato con Galliani, quando il valore di mercato del giocatore era di 15 milioni. Ora sinceramente un esonero non so a cosa servirebbe, bisogna cercare di raggiungere il terzo posto e poi si vedrà come sono i rapporti nello spogliatoio.

  3. Zanetti è arrivato all’inter a 22 anni, Kovacic lo hanno venduto ancora prima che li compisse. E a farlo non è stato il dirigente Rummenigge, o l’allenatore Mourinho… È stato chi la fiducia doveva ancora guadagnarsela… Chi è il loro Kovacic da vendere a quelle cifre? Non c’è, è come se avessero venduto una casa ereditata. Io questa cosa me la son legata proprio, ha ancora davanti 15 anni di carriera. Tutta.

  4. A me sembra di assistere ai soliti isterismi di interismo. Ma cosa vuo, dire esonerare l’allenatore? iniziare tutto di nuovo? non serve a nulla e lo dimostra la storia dell’inter in particolare. Mancio voleva , per certo, toure come prima scelta(insieme a dybala)e di seguito biglia nainngolan insieme se non fosse stato preso l’ivoriano. Al mancio imputo di non scegliere un modulo fisso, questo secondo me è l’unico difetto. Per il resto tutti quelli che criticano erano i primi a godere del buon andamento fino a 4 partite fa, solo che su questo sito in cui c’è gente che capisce di calcio mi sembra davvero strano. E su questo sito, è vero, si è detto di kovacic da tenere…ma anche che kondo era un bel colpo. Kondo è stato pagato 30 in 3 anni più 5 di bonus non facilmente raggiungibili…NON 40! Melo era l’ultima l’ultima scelta… ma biglia valeva 45 (per lotito) e nainngolan idem…Torno a ribadire che con la cattiveria delle prime 19 partite tutte le critiche erano minori…

    1. Ste, con tutto il rispetto, non mi puoi che non serve a nulla cambiare allenatore e che la storia dell’inter lo dimostra… l’inter proprio grazie ad un cambio clamoroso in panchina, con un colpo di genio di Moratti che decise di esonerare Mancini nonostante 2 scudetti consecutivi e prendere quello che era il miglior allenatore del mondo all’epoca, ha fatto la storia del calcio!
      Gli allenatori bravi sanno costruire la squadra e gli sanno dare un gioco in poco tempo… sono tutte balle quelle che ci rifilano sul fatto che ci voglia chissà quale tempo per costruire una squadra decente! Sono le scuse di quelli come Mancini che hanno sbagliato tanto e vogliono nascondere i loro errori!
      Io per l’inter pretendo il meglio. L’allenatore è fondamentale per gettare le basi e impostare la squadra. Da quando c’è Mancini l’inter non ha mai avuto una chiara impostazione tattica nè un’idea precisa su quali devono essere i giocatori cardine su cui puntare.
      Io vedo giocare le altre squadre e hanno un’idea di gioco, l’inter anche quando era in testa alla classifica non l’ha mai avuta!

  5. Time L’identità di schema iniziale come critica la condivido…però immagina di esser ancora prima con gli 1-0 o cose così…saremmo qua a parlare di squadra solida! Per dire che alla fine conta vincere mentre il resto sono cose che contano meno! Moratti cambio allenatore e parliamoci chiaro….ebbe molta molta fortuna perché nel marzo 2010…mourinho era del real già licenziato e per coloro che sanno le cose(io posso dire di saperle) il rapporto con Moratti non si è chiuso bene! La squadra non lo voleva più poi si vinse col Chelsea per certi arbitraggi e la vittoria cambio tutto! Ma ricordiamoci che a costruire le squadre il Mancio non ha eguali! Fiorentina ha continuato quanto già fatto da Montella, Napoli e Juve hanno cambiato poco e la base è la stessa di anni fa e la Roma era la stessa da 2 anni….ci credo che avessero identità rispetto a noi! E comunque sul modulo di base lo critico anch’io ,ma un conto è criticare,un conto è auspicarne il cambio! Bisogna dare 2-3 anni e vedere sennò ogni volta siamo sempre a partire da zero! Poi ovvio se domani qualcuno compra l’Inter e ha 1-2 mld di euro da comprare 6-7 top player…allora metteremo anche un allenatore diverso al mese!

Lascia un commento