Mondo Inter

Clima sereno al Meazza, nessuno strascico per Icardi e i tifosi inglesi…

facchetti-oscarClima sereno a San Siro dopo il bailame di domenica, l’invasione dei tifosi inglesi è pacifica e tra i tifosi nerazzurri c’è voglia di mettersi alle spalle le vicende degli ultimi giorni. I fans del Southampton occupano tutto il secondo anello blu e sono quindi più dei 6700 annunciati, sono quasi diecimila. A venti minuti dall’inizio nello stadio ci sono praticamente solo loro e sembrerebbe preannunciarsi una partita in trasferta per la banda di De Boer. Poi però i nerazzurri rispondono presente: (Continua sotto)

si riempe il primo anello e la curva srotola gli storici striscioni, mantenuti ripiegati fino al fischio d’inizio facendo pensare a qualche altra protesta. Niente di tutto ciò, come annunciato Icardi viene ignorato dagli ultras che garantiscono un tifo costante e vociante. I cori dei tifosi dei Saints sono più impressionanti, ma anche più sporadici. La curva nord però trova modo di polemizzare con il resto della tifoseria con alcuni cori nei primi minuti di gara che sottolineano la scarsa presenza di pubblico, ma a bene vedere si tratta di un autogol: ad essere mezza vuota è proprio la curva nord secondo anello, con non più di 2000 presenti, il grosso del pubblico si assiepa invece al primo anello arancio (circa 6000) dove i templari garantiscono le solite sbandierate di alta fattura, così come al primo anello blu (circa 5000), dove c’è il consueto colore della Banda Bagaj. Quattromila circa i tifosi al primo verde, semideserto il primo rosso, mentre gli altri settori dello stadio rimangono chiusi. Alla fine sono quasi ventimila i fans interisti, non male visto l’orario e la situazione ambientale, per non parlare di quella del campo, con la squadra reduce da tre sconfitte consecutive e ultima nel girone di EL. Pochi i fischi, concentrati nel primo tempo, quando la prestazione è davvero bruttina, Brozovic si conferma croce e delizia del pubblico, che prima lo becca (giustamente), poi lo applaude (giustamente) quando abbandona il campo espulso. Ora la difficile trasferta di Bergamo, mentre il Meazza riaprirà i battenti mercoledì sera per Inter-Torino.