Editoriali

Guarin verso la cessione, la sua avventura all’Inter dice che..

guarin-inter-milan-serie-a_cb2o0xzg12oz1u15fb8reunqoPare che sarà proprio Fredy Guarin il giocatore deputato a lasciare la banda nerazzurra in gennaio, insieme a Ranocchia. Guarin, 30 anni a giugno, è arrivato all’Inter nel gennaio 2012, in prestito oneroso a 1,5 milioni dal Porto. Il suo esordio in nerazzurro però è solo del 1 aprile 2012, a seguito di un lungo infortunio, e capita proprio nel giorno dell’esordio di Stramaccioni sulla panchina dell’Inter. Si gioca Inter-Genoa, un pirotecnico 5-4, il colombiano fa il suo ingresso nella ripresa. Il finale di stagione è ottimo e l’Inter lo riscatta dal Porto per 11,5 milioni. Grande personalità, che tenta sempre la giocata difficile, Guarin non sempre riesce a gestire la sua potenza e la stagione successiva rimane coinvolto nel tracollo della squadra. La sua prima stagione completa comunque si conclude con ben 10 gol tra campionato e coppe. (Continua sotto)

La stagione successiva rimane coinvolto in un’incredibile vicenda di mercato. Thohir, appena insediatosi presidente, in un primo momento avvalla la sua cessione alla Juventus in cambio di Vucinic, ma esplode una rivolta dei tifosi con il suo epicentro sul web e i social, che si propaga poi allo stadio. E’ la prima volta nel mondo nerazzurro che internet ha un valore predominante e la società fa così marcia indietro, il colombiano può rimanere in nerazzurro, mentre ha dover lasciare la casa interista è Marco Branca, l’odiato dirigente. Guarin però rimane coinvolto nella mediocrità mazzarriana, il paradosso è che la personalità non gli manca, ma non al punto da trascinare la squadra. Con l’arrivo di Mancini però il ragazzo sembra rinascere, per il nuovo allenatore è un punto fermo e lui esplode nel febbraio 2015, quando va in gol ripetutamente e sembra arrivata finalmente la tanto attesa ora della consacrazione. E invece nei mesi successivi cala come tutta la squadra. L’inizio della nuova stagione però lo rivede su alti livelli e alla terza giornata decide il derby con un gol strepitoso. Si rivelerà però l’unico gol della stagione fin qui. Ancora una volta, nel momento di trovare la costanza di rendimento, Guarin si perde.