Thohir, tra sport e business

thohir brand InterL’avevamo già capito, ma ora non ci sono più dubbi. Dopo la riunione allo Sport Business Summit il Presidente Thohir ha concesso un’intervista attraverso la quale appare inequivocabile perchè ha acquistato la Società Internazionale, oltre che il suo approccio, razionale e psicologico, alla squadra di calcio Inter.
Cominciamo riprendendo i passaggi più significativi e cioè:
– a Milano vengo una volta al mese, in USA tre volte l’anno
– occorre avere una dirigenza qualificata
– Occorre un bilanciamento Sport/ Business
– ormai il calcio è un prodotto mediatico
– ormai il calcio è un prodotto di consumo
Milano, il nuovo quartiere Garibaldi
Milano, il nuovo quartiere Garibaldi

 

Appare evidente che non si parla mai di calcio mentre tutto ruota sul concetto di business. Chiariamo subito: nessun imprenditore, specie di questi tempi, compra una Società di calcio per fare opera di missionariato, ma quello che traspare dalle frasi di Thohir è la precisa intenzione di considerare primariamente l’Inter come un veicolo per produrre income/guadagni. Non è un’accusa ma si vuole rimarcare che, di fatto, c’è uno sbilanciamento tra Sport e Business e la riunione di Londra è piena conferma. C’erano ben cinque dirigenti del settore marketing/finanziario, compreso Thohir, e uno solo di quello sportivo (Fassone, solo parzialmente appartenente all’ambito sportivo). Non solo: il Presidente ha fatto ben capire che Inter è prodotto di esportazione. Tutti sanno che il suo modello di riferimento (Manchester United) è tale perchè ha grande impatto economico all’estero, soprattutto in Asia e USA. E cosa fa notare infatti il Presidente?  “L’Asia cresce di più. Ci sono 260 milioni di potenziali tifosi interisti nel mondo e 165 sono in Asia”. Seguono citazioni di Cina, Giappone, India e naturalmente Indonesia. Solo alla fine parla di Milano per segnalare “la necessità di potenziare le sue capacità”. Tutto chiaro, recepito, ma l’avevamo già capito.

interisti indonesianiPer concludere dobbiamo essere consapevoli, che la realtà ruota intorno a:
– L’Inter sarà sempre più un prodotto mediatico, di consumo, di esportazione. Se farà buoni risultati sul campo diverrà un Brand che farà un buon business.
– L’Inter dovrà soprattutto essere “appetibile” in Asia e Usa, dove ci sono grandi potenzialità economiche.
– Thohir, al momento, è poco appassionato e molto poco “italiano”: forse diventerà tifoso dell’Inter se brillanti risultati lo ecciteranno. Per ora arriverà una volta al mese a Milano e forse non diventerà mai come il Presidente della Roma, Pallotta, figlio di italiani. Non a caso era anche lui a Londra, ma ha detto “ho comprato la squadra Roma perchè…. cazzo è Roma!”
– Essendo il versante Sport il veicolo per business non è -almeno sinora- direttamente interessato ad esso. Ha scelto allenatore e giocatori tramite una dirigenza a lui presentata come qualificata. Forse Branca e Fassone lo hanno indotto ad assumere e strapagare Mazzarri. Ora non vuole licenziarlo perchè costò troppo, preferisce parlare di altri acquisti a gennaio sperando di migliorare la situazione.
– Non è abituato a grandi cambiamenti in corso d’opera: ecco perchè ha detto che in USA non ci sono retrocessioni, mentre “La serie A è dura, ci vuole pazienza”.
Solo se Mazzarri non ce la farà a rimediare il disastro d’inizio campionato, forse, lo cambierà, ma tentando di spendere il meno possibile. A meno che avrà una vera idea di marketing, come fece a suo tempo Moratti, il quale comprò il miglior giocatore del mondo per ribaltare una situazione negativa dell’Inter. Prese Ronaldo che messo insieme ai Colonnese, Moriero e tanti onesti giocatori fece dell’Inter una grande che riempì gli stadi ottenendo grandi risultati specie in rapporto all’organico che aveva.

14 thoughts on “Thohir, tra sport e business

  1. pallotta ha detto cazzo è Roma, non ha detto cazzo è LA Roma… il fatto che la Roma sia la squadra di Roma, cioè di una città cosi storica e famosa, in effetti sembra essere un grande investimento… mi sa che intendeva quello,, Però quel fatto può essere anche una gabbia da un altro punto si vista … ad esempio l’Inter,chiamandosi anche internazionale, ha margini un po’ più sconfinati.. la sua città in teoria è il mondo.. cmq thohir è un grande appassionato di sport secondo me.. cioè gli manca solo che i figli abbiano nomi Michael in onore di Michael Jordan, e Nadia in onore di Nadia Comaneci,, mi sembra a quesdti livelli lui.. Aspettiamo e vediamo,, Al limite può sempre lasciare, come d’altronde fece quello prima di Pallotta…

  2. Per la cronaca pallotta voleva mazzarri, e mazzarri ha rifiutato per l’inter.. la differenza tra la Roma e noi al momento mi sembra quella che c’è tra culo e sfiga.. detto sinceramente.,

  3. Business, marketing, mazzarri.. Quanto poco entusiasmo attorno a queste parole ragazzi.. Nella mia lunga carriera di tifoso interista, non mi ricordo altri periodi così mosci, così privi di voglia di sognare. Anche gli ultimi anni di Pellegrini erano meglio.. Seppur sulle montagne russe! Poi arrivò Moratti, e diede fiducia all’allenatore di allora (bianchi) non scelto da lui..risultato: a novembre lo silurò, buttando via la stagione. Possibile che nessuno abbia spiegato a Thoir la storia dell’Inter? magari aggiungendo che la storia si ripete sempre? Vabè…

  4. Mi sembra che Thohir sia stato paracadutato dall’Indonesia senza sapere nulla di calcio e soprattutto nulla di come si fa a fare l’imprenditore nel mondo del calcio italiano.
    Un imprenditore che sa quello che fa, visti gli ultimi 3 anni, avrebbe azzerato completamente l’organigramma dell’inter, avrebbe preso un nuovo direttore generale, un nuovo direttore sportivo e un nuovo allenatore straniero (quelli bravi italiani lavorano tutti all’estero, in Italia sono rimasti solo gli scarti).
    Invece lui cosa ha fatto? Ha cacciato Branca perchè non sapeva parlare inglese mentre ha confermato Fassone (non hanno spiegato a Thohir che, anche se Fassone sa parlare inglese, non significa che capisca di calcio). E quel genio di Fassone naturalmente gli ha consigliato di prendere il peggior allenatore italiano in circolazione: Walter Piangiarri (stipendio 3 milioni e mezzo di euro all’anno. Complimenti!)
    Ecco come siamo arrivati alla drammatica situazione attuale. Grazie all’incompetenza totale del nostro presidente!!

  5. Fra sbagli! Il progetto della Roma era partito già 3 anni fa. Hanno preso subito Sabatini (il miglior direttore sportivo italiano), hanno provato con 2 allenatori simili come Luis Enrique e Zeman che per vari motivi hanno fallito. Però l’impostazione di gioco era quella: 4-3-3-, gioco offensivo, valorizzazione dei giovani grazie ai quali la Roma ha incassato quasi 100 milioni di euro con i quali Sabatini è stato molto bravo a costruire la squadra in questi 2 anni e a prendere un ottimo allenatore come Garcia.
    Nell’inter non c’è neanche un barlume di progetto. Ti sembra che puoi costruire un progetto a lungo termine con uno come Mazzarri in panchina o con gli attuali dirigenti?
    Non credo proprio! L’inter è da 4 anni che è come un naufrago in balia della corrente che non vede mai terra.

  6. Un esempio. Se ci fosse marino direttore sportivo e Zeman allenatore, allora potrei parlare di progetto. Arriviamo quinti? Mi va bene, perlomeno vedrei giocare al calcio. Il nostro dramma è che non stiamo vedendo giocare al calcio per colpa di un allenatore incapace. M’Vila ci è stato presentato come il colpo del nuovo imperatore del mercato Ausilio. Risultato: questo francese non può nemmeno giocare in serie B…

  7. sabatini ha 60 anni, non ha mai vinto niente in tutta la sua carriera, e leggo che venne anche qualificato rischiando la radiazione.. un motivo in più per aspettare a giudicare thohir 🙂 poi mazzarri potrebbe anche venire esonerato possimamete, non lo sappiamo.. siamo a ottobre .. anche io ho da ridire su mazzarri fassone e qualche operazione di mercato, però un po’voglio aspettare..

    1. La mia pazienza è finita a giugno. Per questa stagione mi aspettavo qualcosa di diverso dal presidente Thohir, che prendesse in mano la situazione. Invece le cose sono addirittura peggiorate rispetto allo scorso anno!

  8. Dopo ci devono ancora spiegare il colpo Bonaventura saltato nelle ultime ore di mercato… Anche lì ci sarebbe molto da dire sull’incompetenza totale degli attuali dirigenti e allenatore!!

Lascia un commento