Thohir-Mazzarri, sempre più agli opposti

Thohir e mazzarriIl week-end è scivolato via veloce, se non fosse per questa dichiarazione di Thohir: “Troppo spesso, in passato, l’Inter si è lasciata sfuggire giovani di prospettiva. Ora questo dobbiamo limitarlo.” E ancora: “Limiteremo la partenza di giovani in futuro, cercando di mantenere quelli dal futuro più brillante per due motivi: sia per il bene delle nostre finanze sia per il bene della qualità del gioco della squadra”. Così dunque Thohir, ospite della tv indonesiana per commentare la partita dell’Italia contro il Costarica. C’è chi ha letto queste dichiarazioni come un messaggio al Real Madrid, interessato a Kovacic. Ma è sopratutto una chiara linea data ad Ausilio e un messaggio a Mazzarri, il quale indirettamente sembra rispondere tramite la gazzetta dello sport, che oggi riferisce come Mazzarri continua a ritenere Kovacic e Icardi due scommesse. Non solo, per lui sono scommesse anche M’Vila, Casemiro, Brozovic e Xhaka. Insomma c’è una linea diametralmente opposta tra la società e Mazzarri, il quale boccia non solo M’Vila, ma praticamente tutti i nomi sul taccuino di Ausilio per il centrocampo e probabilmente c’è sempre lui dietro il tentativo di svendere Duncan al Palermo e le mancate risposte a Mbaye sul suo futuro. Mazzarri ha una sola certezza: Berhami e sembra non voler transigere. Quanto può durare? Thohir ha commesso un grave errore, ha pensato che Mazzarri fosse flessibile, disposto ad adattarsi alla nuova filosofia del club, non ha capito la rozzezza e la rigidità dell’individuo e intanto l’incontro tra i due viene rimandato sine die a conferma dei rapporti sempre più freddi e del muro che si sta creando.

5 thoughts on “Thohir-Mazzarri, sempre più agli opposti

  1. Ho la netta sensazione che per Piagnarri la stagione 2014/15 da allenatore dell’inter durerà poco! Come giustamente hai scritto nell’articolo tira una brutta aria per il tecnico toscano… Thohir non ci pensa neanche lontanamente a rinnovargli il contratto, circolano insistenti voci di contrasti con la dirigenza sul mercato, iniziano ad uscire malumori dall’ambiente nerazzurro sui continui lamenti di Mazzarri riguardanti le trattative di mercato imbastite dalla dirigenza e in più cominciano ad uscire i nomi dei possibili sostituti.
    Questo scenario era facilmente prevedibile con un allenatore in scadenza odiato dalla maggioranza dei tifosi, come mai quei geni di dirigenti che ci ritroviamo non hanno pensato che la scelta della conferma del piangina era un suicidio sportivo?
    Adesso l’unica speranza per la prossima stagione è che Mazzarri vada in rottura con l’ambiente inter prima che inizi la prossima stagione e si riesca ad ingaggiare un tecnico bravo che valorizzi i giovani e faccia vedere un bel calcio. Se Piagnarri comincerà la stagione e poi verrà cacciato in corso d’opera al primo risultato negativo sarà sempre un bene per l’inter ma sarà un’altra stagione compromessa… Prima lo cacciano, meglio è per tutti!!

Lascia un commento