Editoriali

Stagione fallimentare

Cari amici, ma è tutto vero? 40 giorni fa battevamo l’Atalanta 7-1, ora siamo messi peggio di un treno locale. Io voglio estrapolare due frasi: Zanetti, che in settimana dice “servono valori umani” e Icardi che, unico calciatore a presentarsi davanti alle telecamere, anzi unico insieme a Pioli (ma perchè Ausilio parla sempre prima della partita, ma che senso ha?), che dice, “non posso parlare a tutti i compagni allo stesso modo, perchè non a tutti piace sentirsi dire certe cose”, quindi qualcuno fa anche il permaloso se il capitano lo invita a un maggiore impegno, prova a spronarlo, e Zanetti fa riferimento ai valori umani. Ma che valori hanno dei giocatori che beccano due gol in venti minuti dal Crotone, si fanno rimontare due gol dal Milan e ne prendono tre in sette minuti dalla peggiore Fiorentina degli ultimi anni. Parliamoci chiaro, ora è evidente che tutto quanto di buono può essere stato fatto (e ce ne era) è del tutto cancellato, la stagione è fallimentare, non c’è bisogno di aspettare il 28 maggio per dirlo. E allora, senza offendere nessuno, l’unica buona degli ultimi sei anni, almeno la migliore, risulta essere quella di Mancini, con un quarto posto da non buttare via. Chi tenere? A questo punto ne rimangono pochi, Gagliardini, Perisic, Icardi, magari D’ambrosio e Andreolli per la bandiera, qualcuno potrebbe dire Handanovic e Candreva, ma io avrei qualche dubbio. Avrei detto fino a qualche settimana fa Medel e Miranda, ma inquietanti interrogativi sono sorti su di loro due nelle ultime ore. Amala.