Calcio estero

Premier, il Boxing day sorride allo United

Di Lupo

Si gioca il giorno di S.Stefano la giornata numero 19 di Premier, è il Boxing Day, e forse il Manchester United ha ipotecato il titolo a seguito di partite bruttine, ma anche spettacolari da parte delle due squadre di Manchester. Il City è a Sunderland contro la ostica squadra guidata da O’Neil e nel primo quarto di partita domina giocando veramente bene colpendo una traversa con Kompany e sfiorando il gol in almeno 3 occasioni. Mi viene infatti da pensare che la squadra si stia riprendendo dopo circa un mese di appannamento, ma progressivamente il Sunderland occupa con più autorità il centrocampo e comincia a impensierire la difesa.

All’inizio della ripresa l’azione che decide l’incontro: a centrocampo Zabaleta viene pressato e rimane a terra dolorante, ma i giocatori del Sunderland non interrompono il gioco e non mandano la palla in fallo laterale. Adam Johnson, un ex, avanza e fa partire un tiro angolato ma non impossibile che Hart vede in ritardo. E’ 1-0 per il Sunderland e da quel momento il City prova a recuperare anche perchè, nel frattempo, lo United sta clamorosamente perdendo in casa con il Newcastle. Gli uomini di Mancini appaiono però molli e confusionari, non hanno più lo smalto dei primi 20 minuti ed è anzi il Sunderland ad avere le migliori occasioni per raddoppiare. Nel dopo partita Mancini dirà che la squadra ha perso la capacità di segnare, ma mi è parso inspiegabile il suo ritardo nel fare cambiamenti oltretutto sotto di un gol: Dzeko solo al 75′, al posto di un evanescente Tevez, e Barry e Lennox rispettivamente a 6 e 4 minuti dalla fine.

Allo Stadio dei Sogni di Manchester succede invece di tutto. I Red Devils affrontano il modesto Newcastle, ma dopo appena 5 minuti sono sotto di un gol: sarà così per tutto l’incontro perchè il Newcastle si troverà per ben tre volte in vantaggio e con lo United  tutto teso a recuperare. Oggi la difesa della squadra di Ferguson è apparsa decisamente scadente e balbettante ed anche il portiere De Gea era in giornata storta (su questo il Real Madrid e Mourinho dovranno lavorare per riuscire a superare  i Red Devils quando li affronteranno in Champions). Comunque a 20 minuti dalla fine Van Persie ottiene il pareggio e dopo è un forcing asfissiante per addirittura vincere l’incontro che dà il suo risultato al 90’con rete di Chicharito e grande sollievo per una ormai insperata vittoria che porta  lo United a distanziare il City di ben 7 punti in classifica.

Dietro le due di Manchester, però, le altre squadre non demordono. A parte l’Arsenal la cui gara è stata rinviata, Chelsea, Tottenham, West Bromwichw ed Everton hanno tutte vinto.

Da segnalare il rotondo successo del Tottenham, 4-0, con L’Aston Villa, che così subisce 12 reti nelle ultime due gare, e la tripletta di Bale, ma soprattutto un Chelsea in netta ripresa: oggi ha vinto a Norwich con rete di Mata collocandosi a soli 4 punti dal City. Se poi si considera che ha due partite da recuperare forse i giochi per il titolo non sono fatti come si poteva ipotizzare. Benitez può allora non solo respirare, ma anche rialzare la testa e infatti ora ha chiesto ad Abramovich di comprare David Villa a Gennaio.

Comunque la premier non si ferma: si giocherà sabato 29, domenica 30 Dicembre e martedì 1 Gennaio: spiccano United-West Bromwich,di sabato e Everton-Chelsea domenica. Alla prossima.