News

Pioli: “Non sono un normalizzatore, sono un potenziatore”

pioli-primo-giornoPioli si presenta da allenatore dell’Inter in una affollatissima conferenza di una trentina di minuti circa. Molto serio, preparato a rispondere a tutte le domande, non cade nei trabocchetti e rivela la sua fede interista. Ecco le sue parole:

“Problemi con Candreva? Ora siamo in un altro contesto, combatteremo insieme per la stessa causa, Candreva l’ho sempre considerato un grande giocatore, ma ho sempre pensato che può dare di più e l’ho sempre stimolato a farlo. Obbiettivi? La champions. L’anno scorso la situazione era ribaltata, l’Inter di questi tempi era prima e la Juve credo a nove punti dalla prima, poi ha vinto il campionato, non vendo illusioni, ma ci sono tutte le qualità per raggiungere l’obbiettivo. Modulo? Non c’è un modulo vincente, dipende dai principi di gioco e dalla interpretazione, in questo momento è meglio non cambiare molto, partirò da una difesa a quattro, c’è la sosta, molti giocatori arriveranno pochi giorni prima del derby. Ho chiesto grande compattezza, grande unione e supporto alla società. Normalizzatore? Sono andato a cercarlo sul dizionario, indica chi riporta alla normalità e non si addice all’Inter, l’Inter vuole qualcosa in più della normalità, ho un potenziale importante, spero a fine stagione possiate dire che sono un potenziatore. Come mi definisco? Sono un professionista che non lascia nulla al caso, con uno staff competente che lavora tanto e che cerca di sfruttare al massimo il potenziale che ha a disposizone. Il Trap dice che devo pensare ai risultati e non al gioco? E’ stato un mio allenatore, lo stimo tantissimo, mi ha fatto capire cosa vuol dire mettere passione ed entusiasmo nella professione, ma credo che sia più facile arrivare ai risultati attraverso il gioco. Samuel? Sì, ho spinto io per avere Samuel nello staff, l’ho conosciuto da giocatore, tutti conoscono la sua serietà, la sua umiltà che può mettere a disposizione tanti valori, conosce l’ambiente Inter, incarna i valori del club, ci può aiutare a crescere”.