Moratti: “Che fatica con Thohir, ma lui cortese, cinesi sembrano seri, i miei figli innamorati dell’Inter e un giorno..”

moratti maoOra che non fa più parte della società, Massimo Moratti può parlare più liberamente e dirla tutta su questi tre anni difficili come socio di minoranza. Come detto ancora più esplicitamente dalla moglie Milly nei giorni scorsi, il rapporto è stato faticoso, anche se imperniato sulla massima cortesia. Con Thohir “ammetto che ho fatto fatica – spiega l’ex presidente in un’intervista al corriere della sera – malgrado la sua infinita cortesia. E in questa mia confidenza non c’entra niente l’imprenditore indonesiano, disponibilissimo nei miei confronti e sensibilissimo”. (Continua sotto)

Ma Moratti ha conosciuto anche i nuovi proprietari cinesi ed è fiducioso, anche perchè la speranza è che scelgano un management italiano, possibilmente interista, possibilmente morattiano. “Dico la verità. Mi hanno regalato un’impressione di serietà – parla dei cinesi Moratti – Non è detto che la prima impressione sia quella giusta, ma ho notato in Zhang Jindong concretezza e nessuna voglia di apparire. Così anche il figlio, educato, abituato ad ascoltare”. Ed è proprio il figlio del magnate cinese che dovrebbe occuparsi degli investimenti in Europa, compresa l’Inter, e sul quale la famiglia Moratti ha messo gli occhi come possibile referente privilegiato. E ai cinesi l’ex patron manda questo appello, “Affidare la responsabilità dirigenziale a un uomo collaudato, di esperienza, che conosca non solo il calcio italiano, ma anche il territorio, i tifosi, Milano. Oltre non vado”. Ora il timone passa ai figli, perchè un giorno i Moratti potrebbero tornare: “Nessuno avrebbe detto che avrei preso l’Inter di Pellegrini nel ’95. Nemmeno mia moglie. Il futuro? Perchè no? Ho cinque figli, tutti innamorati dell’Inter”.

About Stella nerazzurra

View all posts by Stella nerazzurra →

Lascia un commento