Mazzarri prevedibile: “E’ un anno particolare”

mazzarri vecchioA fine partita Mazzarri rilascia alcune scontate dichiarazioni, il repertorio si ripete, “meritavamo di vincere”, “guardo la prestazione, non il risultato”, “gli assenti”, “è un anno particolare” e si comincia a preparare il terreno per spacciare il quinto posto per un grande risultato con il paragone con la stagione scorsa. Ecco tutte le dichiarazioni del post partita riprese da Inter.it:

“Io guardo la prestazione, nel primo tempo abbiamo fatto una grande gara, mi spiace non aver trovato il gol. Nel secondo tempo siamo calati fisicamente e non ci scordiamo che oggi eravamo in emergenza.

Icardi? Lo stadio lo lascia come vuole. Ho spronato lui e Palacio, quando il Napoli ha messo un centrocampista ho dovuto mettere un centrocampista a mia volta perchè rischiavamo di prendere gol. Lui mi ha detto “ero lì, ho cercato di fare quello che potevo”, ma è stato un semplice dialogo.

Oggi se avesse giocato Hamsik avremmo giocato a quattro, ho dovuto metter un uomo in più infoltendo il centrocampo quando è entrato. Non dimentichiamoci che oggi ci mancavano dei giocatori come Jonathan sulla fascia, era anche un discorso di ragazzi a disposizione. Mi piace la difesa a quattro con un metodista bravo come la Roma con De Rossi, è come avere un centrale avanzato. L’ho adottata a partita in corso anche a Napoli, i giocatori dell’anno scorso avevano altre conoscenze tattiche, stavano con me da tanto tempo. Se l’anno prossimo si potrà fare, la farò.
Mi fa piacere finisca quest’anno perché ho dovuto fare tante cose, molte di più di quelle che ho fatto in 12 anni di carriera. Credo sia stato l’anno che mi ha dato più da fare in carriera, il più difficile ma anche il più affascinante.

Mazzarri acquettaConsigli per gli acquisti? No, è solo un discorso di organizzazione generale, se si chiede ai giocatori di fare difesa a quattro cambiano i meccanismi e il gioco. E’ stato davvero un anno particolare, ce ne sono state di cose da fare…

Quindici pareggi sono questione di personalità? E’ questione di tante cose, oggi affrontavamo una delle squadre più forti del campionato, ma il primo tempo l’abbiamo giocato come piace a me. Nelle altre partite abbiamo buttato via dei punti, ma è un anno particolare, perchè per quello che abbiamo fatto avremmo potuto raccogliere più punti.

‎Inter così distante dalle prime tre? Noi venivamo da un nono posto, abbiamo preso Hernanes come giocatore già esperto, la Juventus era stata campione d’Italia e aveva fatto altri acquisti. Per il resto farò le mie considerazioni a fine anno, ora ho questo gruppo e cerco di fare il massimo con i giocatori che ho. E’ stata un’annata particolare.
Se ho incontrato De Laurentiis? No, fino ad adesso non l’ho visto, ero nel mio spogliatoio e non credo che il presidente dell’altra squadra venga nel nostro spogliatoio.

Kovacic? In generale cerco di migliorare i giocatori. Il rendimento di Mateo ora coincide con i risultati della squadra, è un grande giocatore, sta crescendo e diventando più concreto, ma io non avevo dubbi: fa le cose giuste nel momento giusto, è utile in fase passiva. Il processo di crescita di un ragazzo che a 19 anni arriva dall’estero e si trova a giocare con questa maglia è lungo, deve capire quello di cui c’è bisogno che faccia, ma sono sicuro che diventerà un grande campione”.

11 thoughts on “Mazzarri prevedibile: “E’ un anno particolare”

  1. Il secondo tempo dell’inter è esemplificativo della mentalità provinciale di questo mediocre allenatore che abbiamo in panchina. Tutti in difesa, strappiamo un punticino al grande napoli (venuto in gita a fare un allenamento in preparazione della finale di coppa italia).
    Questo è tipico delle squadre medio-piccole stile reggina o samp dove un pareggio contro la terza in classifica è visto come un trionfo. Mi ripeto ancora una volta, possiamo anche prendere grandi giocatori il prossimo anno, ma con questo tipo di mentalità non andiamo da nessuna parte.
    Ma mi chiedo, c’è qualche tifoso interista contento dopo aver visto una partita del genere?

  2. A mio parere vergognoso il cambio icardi-kuzmanovic. Abbiamo chiuso la partita con il 5-4-1, tutti dietro per portare a casa un punto.
    Ragazzi, siamo l’inter!! Non accetto questa impostazione mentale della partita! Mi ricordo inter ben peggiori di questa, dove comunque in casa si facevano grandi partite contro avversari più forti di noi, di grande intensità e con la voglia di vincere
    Non è da inter accontentarsi del pareggio e non può essere visto in maniera positiva un atteggiamento come quello del secondo tempo.
    Per il bene dell’inter Mazzarri non deve più sedere sulla panchina nerazzurra la prossima stagione!!

  3. Thohir non può dire quello che pensa… ma lo sa benissimo che i 3,5 milioni di mazzarri sono stati soldi buttati.. se quei 3,5 milioni stipendio li aveste dati voi, lo pensereste pure voi…

  4. Purtroppo fra il ns.parere conta poco o nulla, mi piacerebbe avere la certezza che davvero thohir si renda conto di dover programmare il futuro con altri, diversamente ci toccherà “festeggiare ” un secondo o terzo posto ( ben che ci vada) anche il prossimo anno…la prospettiva mi da la nausea…

  5. La carriera di Mazzarri come dice lui parla chiaro, cioè non conclude mai nulla… se anche l’Inter spendesse 1 miliardo prima o poi incontreremo un Barca o un PSG e lui dirà che quelli hanno speso 2 miliardi e di non chiedergli di vincere… Lo ha dimostrato che questa è la sua mentalità.. Poi se resta, resta.. però non tutto si può comprare.. Se no potevamo comprare la testa di Klopp e metterla al posto di quella di Mazzarri…

  6. Oggi è passato a miglior vita Boskov che con la Sampdoria aveva raggiunto lo scudetto, la finale di Champions, coppa delle coppe, coppe Italia.. curioso che a sentir parlare Mazzarri sembra sia stato il miglior allenatore che la Samp abbia mai avuto.. vabbè.. Rip Boskov

Lascia un commento