Mazzarri, i tifosi chiedono l’esonero

tifosi a parma
Tifosi scatenati in rete al fischio finale di Parma-Inter 2-0, se la società vuole continuare con questo allenatore deve sapere che lo fa contro la totalità dei tifosi nerazzurri, che dimostrano di non poterne più in primis delle scuse di quest’uomo, prima ancora del suo gioco orribile. Ecco i commenti più significativi raccolti da noi:
Da Gazzetta.it + Corrieredellosport + Goal.com + Repubblica.it + Corriere.it.
 –
Si può giocare anche alla rovescia. Basta passare la palla indietro. Scuola calcio Mazzarri. Ergo: Inguardabili.
Mazzarri,non puoi fare 8 goal in 9 partite di campionato (Sassuolo non fa testo), non puoi restare per tre partite senza fare un goal su azione, ma soprattutto non puoi allenare l’Inter perché non fa per te quindi rassegna le dimissioni e tante grazie.
 –
Ma quanto è scarso Mazzarri????? VERGOGNA!!!! #mazzarrivattene #mazzarrivattene #mazzarrivattene #mazzarrivattene #mazzarrivattene #mazzarrivattene #mazzarrivattene
 –
Cambiare allenatore non credo servirebbe. Il fatto è che l’impianto squadra è senza senso. Un’accozzaglia di giocatori pagati poco ma con stipendi alti, che non hanno nessuna voglia di fare gruppo. È così non si vince niente e non si va da nessuna parte.
 –
Ma questo signore presuntuoso e spocchioso riesce a capire che di fronte allo spettacolo indegno che da mesi mette in campo ogni sabato, domenica o giovedì che sia, dovrebbe solo spargersi il capo di cenere e chiedere scusa ai tifosi che pagano il biglietto per assistere alle sue scempiaggini.
 –
Non si può più permettere di entrare a San Siro a un allenatore che in panchina parla da solo e si dispera con le mani nei capelli, un ometto che in continuazione si fa beccare dai giocatori mentre impreca e maledice i loro sbagli…. Lui non sbaglia mai. Thohir non deve più permettere a Mazzarri di entrare a San Siro. Adesso basta davvero.
 –
MAMMA MIA………sento l’intervista di Mazzarri……TSO
trattamento sanitario obbligatorio!!!!!!!

Paraculo da 300 k Euro al mese……

Facciamo una colletta e prendiamo MANCINI
 –
 “Siamo anche alla quinta partita in pochi giorni e le energie iniziano a diminuire. Giochiamo sempre con gli stessi”….. al primo di novembre!!!!!!!!!
 –
E qualcuno aveva anche il coraggio di dire che Palacio non ha colpe… E’ sempre più inguardabile, sbaglia TUTTO. Passaggi, cross, tiri… tutto.
 –
Mazzarri è un presuntuoso frignone che se li cerca i fischi.
Ultimo capolavoro: Ha messo dentro Bonazzoli che è un centravanti ma gli ha fatto fare l’esterno destro.
 A proposito dell’Annus Horribilis (anzi due…) dell’Inter. Vogliamo forse tornare a fare qui il solito discorso sul non gioco di Mazzarri, su un allenatore da un anno in bilico su una sfilza di risultati medriocri (resta o non resta?), sul rapporto ormai a pezzi col pubblico di San Siro (eravamo a Parma, ma fa lo stesso…), sull’inconsistenza di Hernanes ultimo acquisto di un certo pregio dell’Inter, sulla mediocrità della rosa nerazzurra, sul rapporto freddo e passivo che Thohir ha con l’Inter.

7 thoughts on “Mazzarri, i tifosi chiedono l’esonero

  1. Non fa mai nulla che possa smentirmi, che potesse dimostrarmi di avere torto! Liberiamocene!!!Inutile stare ancora a discutere. Chi non l’ha capito o vuol capirlo se ne renderà conto a primavera quando la posizione di classifica sarà drammatica!

  2. Cambiare Mazzarri (che personalmente non piace) potrebbe portare solo una ventata d’aria nuova…magari riusciremmo a fare tre vittorie di fila ma con questa squadra non si va da nessuna parte! Costruita in un periodo storico per la società drammatico a causa dei debiti lasciati dal “buon Moratti”. Il gioco di Mazzarri é basato sugli esterni ma con quei quattro “fenomeni” che gli hanno preso cosa volete che faccia! Tutti buoni giocatori ma nessuno da INTER…. Rassegnamoci a vivere altri 2/3 anni così, perché senza denari non si va da nessuna parte! Sempre forza INTER!

  3. Sono interista da sempre, ammetto che più che vincere per prima cosa mi fa piacere vedere una bella partita, quando una squadra gioca bene con attaccamento alla maglia prima o poi i risultati devono venire.
    Come tanti di voi credo che Mazzarri non sia l’allenatore giusto, l’unico strumento in possesso dei tifosi per far valere le proprie idee è semplicemente di non andare a vedere le partire finchè qualcosa non cambia.

  4. Ma non avete ancora capito che nel calcio l’allenatore non conta un fico secco ? E’ il “mestiere” (chiamiamolo così) incredibilmente più pagato e più inutile del mondo. I risultati li fanno i GIOCATORI !!!! E’ la qualità dei giocatori che fa la differenza. Con Van Basten, Gullit, Rajkard, baresi e compagnia bella, anch’io sarei passato alla storia come il più grande allenatore del mondo. Chiedendo la testa di Mazzarri voi non fater altro che attribuire importanza a un ruolo del tutto insignificante.
    Mazzarri è una pippa (lo era anche da giocatore), arrogante, insopportabile e odioso, ma l’organico della squadra è scarsissimo. La colpa di questo disastro è in primo luogo di una Società che a partire dal 2010 ha sempre e solo pensato a ridimensionare la squadra conducendo campagne acquisti assurde e ispirate soltanto al risparmio. Thoir dovrebbe regalare meno sorrisi e cacciare fuori i soldi, invice – a parte l’eccezione di Hernanes – ha pensato bene di prendere scarti a costo zero. Forse pensa di fare le nozze coi fichi secchi, ma si sbaglia di grosso.
    ORA BASTA !!!!!!!

    1. Guarda che non è vero, anzi l’allenatore è quello che conta di più! Guarda l’atletico: con un altro allenatore avrebbe vinto la liga? Non credo, i suoi giocatori sono molto più deboli rispetto a quelli di Real e Barça.
      Guarda il Manchester United che con Ferguson vince la Premier e l’hanno dopo con Moyes e gli stessi giocatori arriva fuori dall’Europa.
      Insomma è l’allenatore che imposta il gioco e i giocatori sono gli esecutori.

  5. Non sono d’accordo con te purtroppo. L’allenatore dalla terza categoria alla serie A conta tanto, anzi tantissimo. Quando Conte è arrivato alla Juventus c’erano dei giocatori considerati brocchi che sono arrivati in nazionale (e che con l’allenatore attuale entro qualche mese ritorneranno brocchi statene certi). Migliaia di volte abbiamo visto dei giocatori scarsi valorizzati da un allenatore con idee e spirito propositivo. Faccio un esempio: se un esterno non arriva mai sul fondo senza palla per riceverla e fare l’unico tipo di cross che nel calcio può impensierire una difesa di alto livello la colpa non è del giocatore, ma di chi lo guida perchè non sa trovare il modo di fargli fare i giusti movimenti con le giuste tempistiche. Sinceramente non considero una squadra scandalosa la nostra, soprattutto mi pare di capire che abbiamo fatto tutti quanti i complimenti ad Ausilio perchè con due lire ha fatto comunque una squadra dignitosa. Medel, Vidic (quello vero, non suo fratello gemello visto fino ad ora), Dodo, Osvaldo, ecc. non sono dei campioni, ma sono più forti di De Ceglie e compagnia bella.
    Ecco che secondo me il vero ed unico problema in questo caso è l’allenatore. Un allenatore scarso, scarso come lo è Benitez, e sicuramente più scarso di un Gasperini che non sarà da grande squadra ma che lo spogliatoio ha secondo me clamorosamente boicottato. Ci serve un allenatore che valorizzi i giocatori validi che abbiamo con idee semplici ma con un minimo di bagaglio tecnico-tattico aldilà del contropiede o dei goal dovuti all’accentramento degli esterni. Ci serve un allenatore che riesca a trarre il massimo da una squadra che ahimè è diventata di medio livello ma che con il livello dell’attuale serie A può comunque arrivare tra le prime posizioni in attesa di tempi migliori

  6. Come puo’ non essere importante un tecnico che deve organizzare un gioco fatto di undici persone senza contare le riserve pronte a sostuire gli altri? Undici psicologie diverse, undici conformazioni muscolari e nervose oltre che tecniche. E’ importantissimo perchè deve essere in grado di armonizzare tutte le diversità e nello stesso tempo dare un’identità, una personalità, oltre a rappresentare i simboli di una squadra. I cambi non sempre sono necessari, ma quando occorrono vanno fatti. Potrei citare tanti esempi, ma ne cito uno su tutti. Nel 1969, ad allenare l’Inter, presero Heriberto Herrera. Nel girone d’andata, del campionato ’70-71, l’Inter accumulo’ un ritardo dal Milan di ben 7 punti. E a quei tempi, la vittoria ne valeva 2 di punti e non 3 come oggi. Quindi, un ritardo dalla vetta molto sostanzioso. Quantificabile un po’ come oggi. Mazzola e compagni si riunirono e fecero fuori Heriberto (predicava un solo modulo calcistico: il “movimiento” che alla juve funziono’), e misero una vecchia gloria come Invernizzi. Da quel momento l’Inter non perse una sola partita. Il sorpasso al Milan avvenne nel derby di ritorno. Vincemmo lo scudetto con diversi punti di vantaggio, e l’anno dopo disputemmo la finale in coppa campioni in Olanda con l’Ajax.
    Detto questo, spero, con questo esempio, di aver fatto capire l’importanza di un allenatore, che, a prescindere dalle sue idee, in certi ambienti, e soprattutto se si tratta di squadre di livello mondiale come l’Inter, potrebbe risultare inadatto. E quindi, va cambiato. La nostra situazione attuale mi ricorda quel periodo. Speriamo che qualcuno si renda conto dell’urgenza di prendere una bandiera interista che avrebben se non altro, il compito di riportare i tifosi allo stadio, oltre a far emergere qualche ragazzo importante del nostro vivaio.

Lascia un commento