Mondo Inter / News

Mazzarri ’62

Totò truffa 62E’ cominciata la campagna per la riconferma di Mazzarri, con annesso rinnovo e adeguamento contrattuale. A dire il vero è cominciata da un pezzo, ma oggi nella conferenza alla vigilia di Inter-Atalanta, davanti alla sua corte dei miracoli, il tecnico toscano ha potuto fare quello che gli riesce meglio, promuovere se stesso e deprezzare la rosa che ha a disposizione. Su tutte valga questa risposta, a chi gli chiedeva cosa ci voleva per colmare il gap con la Juventus: “Non scordiamoci che poi in campo vanno i giocatori, la qualità e i valori non si possono scordare, può esserci un progetto tattico interessante, movimenti preordinati eccezionali, ma gli interpreti sono i giocatori, migliori sono e più facile è raggiungere certe posizioni in classifica”. Insomma, Mister 12annidicarriera ci ha messo un progetto tecnico che nemmeno Mourinho, schemi eccezionali (li avete visti tutti nello spumeggiante 0-0 di Roma o nell’epico 1-0 col Torino), ma poi i giocatori sono così scarsi che più di tanto non si può fare. E poi vai con i “sei punti” persi per sfortuna o per incapacità di finalizzazione degli interpreti (ma il gioco lui ce l ‘ha messo eh), e poi i giovani, i giovani: “Ai giovani in allenamento magari riesce tutto, ma poi in partita certe cose non gli riescono, ci vuole (scandisce) qualità ed esperienza”. Mazzarri sembra Totò che sta cercando di vendere la fontana di Trevi al turista americano, ora tutti si chiedono, ma Thohir se la berrà?

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,