Pagelle

Le pagelle di Palermo-Inter 1-1

icardi palermoHandanovic 5,5 Su quattro interventi quattro volte respinge verso il campo rimettendo in gioco la palla. Onestamente questo Handanovic non riceverà mai la chiamata dal Real Madrid o dal Manchester United. Non gli resta che “accontentarsi” dell’Inter.

Nagatomo 6 Le amichevoli non sono così inutili e poco indicative: dopo la buona prova nel trofeo Berlusconi, Mancini lo rilancia titolare. Impacciato nella prima parte di gara, sale di tono nel secondo tempo con alcune giocate dignitose.

Miranda 7,5 Partitone. Non fatevi ingannare dall’aria tranquilla, traccia una linea davanti all’area di rigore e di qui non si passa, Gilardino e Vazquez non sono gli ultimi giocatorini arrivati, lui vince tutti i duelli.

Murillo 6 Non è al livello del compagno di reparto, ma un degno compagno. Ingiustissima l’espulsione, esiste la prova tv sulle simulazioni? Diamo sette giornate di squalifica per questi gesti antisportivi e vediamo che smettono.

Telles 6 Frastornato nella prima parte di gara, ma questa sera rispetto alle precedenti uscite non commette errori clamorosi nella fase difensiva, di contrasto meno vivace in attacco.

Medel 6 E’ l’unico a fare pressing, a volte si alza anche sui difensori e non si capisce perchè. Non che si alzi Medel, ma che lo faccia solo lui. Per il resto Vazquez è incontenibile anche per lui.

FBL-ITA-SERIEA-PALERMO-INTER-MILANKondogbia 5 Lo sguardo da bambinone-ragazzone buono ricorda quello di Adriano, speriamo veramente che non si perda e si ritrovi, dopo il giallo perde la lucidità e rischia due volte il secondo giallo, bravo lui a fermarsi in tempo prima dell’impatto con Vazquez, bravo l’arbitro a vedere la simulazione del rosanero. Poi tantissimi passaggi sbagliati.

Guarin 5,5 Il colombiano rischia di diventare una causa persa, non si è mai voluto calare nella mentalità del calcio italiano e probabilmente mai lo farà, gioca da globetrotter, quando si fa tutto il campo palla al piede sai già che è uno spettacolo della natura che si concluderà in una scelta sbagliata, e così avviene.

Jovetic 6,5 Nel primo tempo è l’unico a giocare con personalità, cerca sempre qualcosa e fa sempre qualcosa in più, ma è nella ripresa, quando anche la squadra inizia a girare, che diventa determinante.

Perisic 6 Nel primo tempo è schiacciato dalla catena di destra del Palermo ed è costretto a fare il terzino, si rivede con un paio di spunti nel finale. Meglio nella ripresa, bravo a farsi trovare lì sul gol, ma nel complesso sembra aver bisogno di rifiatare.

Icardi 5,5 Sempre più solo, sempre più isolato, non è tutta colpa sua, il solo Jovetic lo cerca in verticale, ma lui non accorcia mai e non lega mai. Problemi anche nel controllo di palla.

Biabiany 7 Bella storia Biabiany, dal quasi addio al calcio al ritorno all’Inter, ma sembrava solo per allenarsi prima di trovare un’altra destinazione, invece rimane e diventa essenziale.

Ljajic 6 Nonostante i pochi minuti a disposizione è molto pericoloso e trova subito la giocata.

Ranocchia sv