La scelta di Prandelli

ranocchia nazionaleNon è bastato un gran finale di stagione ad Andrea Ranocchia per essere certo della sua presenza ai prossimi mondiali in Brasile. Il difensore dell’Inter non è tra i 23 convocati dal ct Prandelli, ma rimarrà aggregato al gruppo come 24esimo, cioè come riserva pronta a subentrare in caso di infortunio di uno dei quattro difensori centrali: Chiellini, Barzagli, Bonucci e l’italo-argentino Paletta, che di fatto ha scalzato Ranocchia nelle preferenze di Prandelli. Onestamente non sono in grado di esprimere un giudizio su Paletta, ma non mi pare sia un difensore così forte tale da giustificare la carta dell’oriundo e d’altronde meglio di così Ranocchia negli ultimi due mesi di campionato non poteva fare. La cosa divertente è che sia Paletta, sia Ranocchia, sono nel mirino di Conte come rinforzo per la sua Juve: a voler pensar male possiamo dire che sarà Paletta a trasferirsi in bianconero, vista la scelta di Prandelli.

1 thought on “La scelta di Prandelli

  1. Se fa la difesa a 4 come l’altra sera con l’Irlanda Ranocchia è molto meglio sia di Bonucci che di Paletta, a tratti imbarazzanti con gli irlandesi. Per non parlare dello scandalo Giuseppe Rossi di gran lunga il giocatore più forte della nazionale misteriosamente lasciato a casa per una mancanza di condizione fisica (uno così si porta anche zoppo al mondiale).
    A quel punto se volevi tutelarti con gli esterni Cerci e Insigne bastava convocare un attaccante in più e non convocare l’inutile Aquilani.
    Ma quando si sta simpatici e si gode di buona stampa passa tutto in cavalleria…

Lascia un commento