Partita

Una vittoria per il morale

Miranda d'ambrosio esultano contro la samp 2016L’Inter torna alla vittoria battendo 3-1 una Sampdoria molto accademica e poca sostanza con il solo Quagliarella pericoloso. Decisivi i calci piazzati, con gli episodi che per una volta girano a favore dell’Inter, anche dal punto di vista arbitrale. Ecco la cronaca: Sotto gli occhi di Mourinho e Ronaldo, Mancini si affida al 4-4-2 per affrontare la Sampdoria, con Eder e Icardi coppia d’attacco, mentre Perisic e Biabiany proveranno a dare vivacità alle fasce. Montella risponde con il 3-4-2-1 con l’ex interista Alvarez e Correa a supporto di Quagliarella. Ecco le formazioni ufficiali:

INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 25 Miranda, 24 Murillo, 55 Nagatomo; 11 Biabiany, 83 Melo, 77 Brozovic, 44 Perisic; 23 Eder, 9 Icardi.
A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 5 Jesus, 8 Palacio, 10 Jovetic, 21 Santon, 22 Ljajic, 27 Gnoukouri, 31 Zonta, 56 Popa, 97 Manaj.
Allenatore: Roberto Mancini

SAMPDORIA: 2 Viviano; 5 Cassani, 16 Ranocchia, 26 Silvestre; 95 Ivan, 21 Soriano, 7 Fernando, 11 Dodo; 25 Alvarez, 10 Correa; 27 Quagliarella.
A disposizione: 1 Puggioni, 57 Brignoli, 4 Moisander, 8 Barreto, 9 Rodriguez, 17 Palombo, 18 Christodoulopoulos, 20 Krsticic, 24 Muriel, 29 De Silvestri, 37 Skriniar, 99 Cassano.
Allenatore: Vincenzo Montella

Arbitro: Massa
Assistenti: Marzaloni, De Pinto
IV uomo: Barbirati
Assistenti addizionali: Orsato, Pinzani

d'ambrosio gol alla samp 2016Nella prima parte di gara la Sampdoria ha maggiormente il pallino del gioco, Quagliarella anticipa spesso e volentieri due distratti Miranda e Murillo e si rende pericoloso due volte. Alvarez e Correa sono piuttosto sguscianti e non si capisce bene chi li marca, se Brozovic e Melo si alzano sui due mediani della Sampdoria, stringono Nagatomo e D’ambrosio su di loro, altrimenti cercano di limitarli i due mediani nerazzurri. L’Inter soffre ancora sui calci piazzati, ma dall’altra parte è proprio su un calcio d’angolo a favore che riesce a sbloccare, torre di Murillo e gol al volo di D’ambrosio sganciatosi sul secondo palo. Il gol distende i nerazzurri, ma non più di tanto, la squadra rimane accorta e il solo Biabiany si scatena sulla fascia destra. Nel finale di tempo negato un netto rigore alla Sampdoria per fallo di mano di D’ambrosio. E’ un’Inter ancora una volta con il braccino corto, che va negli spogliatoi con l’impressione che dovrà fare qualcosa di più nella ripresa per non subire la rimonta blucerchiata, e così sarà. (Prosegue sotto)

La Sampdoria di Montella gioca come la Fiorentina di Sousa, o meglio è Sousa ad aver ripreso il gioco di Montella, quindi 3-4-2-1 in fase offensiva, ma difesa a quattro in fase difensiva con Dodò che si abbassa sulla linea dei difensori e Cassani che si allarga a destra in marcatura su Perisic. Ma sono ancora i calci piazzati ad essere decisivi, da uno la Samp sfiora il pareggio con Ranocchia che manca il pallone in spaccata sotto porta, subito dopo l’Inter trova il raddoppio da un altro calcio d’angolo battuto da Brozovic, torre di Melo e Miranda batte Viviano. Ora il 2-0 sembra finalmente sbloccare i nerazzurri, che pressano più alti, Montella passa definitivamente al 4-4-2 con l’ingresso di Muriel, ma l’Inter dilaga in contropiede, è proprio Muriel a perdere palla sulla trequarti, Brozovic lancia Icardi che approfitta del liscio di Ranocchia e s’invola a rete. A partita archiviata Mancini passa ad un centrocampo a tre con l’ingresso di Gnoukouri, mentre la Samp chiude con il 3-4-1-2 e Quagliarella dopo tanti tentativi trova il gol, ma ormai è solo il gol della bandiera.

IL TABELLINO
INTER-SAMPDORIA 3-1
RETI: 
23′ D’Ambrosio (I), 57′ Miranda (I), 73′ Icardi (I), 91′ Quagliarella (S).

INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 25 Miranda, 24 Murillo, 55 Nagatomo; 11 Biabiany (78′ 27 Gnoukouri), 83 Melo, 77 Brozovic (88′ 10 Jovetic), 44 Perisic; 23 Eder (63′ 22 Ljajic) 9 Icardi. A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 5 Jesus, 8 Palacio, 21 Santon, 31 Zonta, 56 Popa, 97 Manaj.
Allenatore: Roberto Mancini

SAMPDORIA: 2 Viviano; 5 Cassani, 16 Ranocchia, 26 Silvestre; 95 Ivan (68′ 24 Muriel), 21 Soriano, 7 Fernando, 11 Dodo; 25 Alvarez (85′ 18 Christodoulopoulos), 10 Correa (79′ 20 Krsticic); Quagliarella. In panchina: 1 Puggioni, 57 Brignoli, 4 Moisander, 8 Barreto, 9 Rodriguez, 17 Palombo, 18 Christodoulopoulos, 29 De Silvestri, 37 Skriniar, 99 Cassano.
Allenatore: Vincenzo Montella

Arbitro: Massa. Assistenti: Marzaloni, De Pinto. IV uomo: Barbirati. Assistenti addizionali: Orsato, Pinzani

Note
Spettatori: 39.055
Ammoniti: Ranocchia (S), Dodò (S), Brozovic (I), Miranda (I), Nagatomo (I)
Corner: 7-7
Recupero: 1°T 0′,2°T 3′.

 

Tags: , , , , , , ,