Frittatona Melo, la Lazio passa a San Siro

Candreva.Lazio_.2015.2016.tiro_.690x400La Lazio vince a San Siro con due gol all’inizio e alla fine di Candreva, in mezzo l’inutile pareggio di Icardi. Protagonista in negativo Melo che regala un rigore alla Lazio e poi si fa espellere. Ecco la cronaca: Nel pomeriggio le rivali hanno vinto tutte e ora l’Inter deve rispondere nella sfida del Meazza con la Lazio. Come vi avevamo annunciato in settimana Mancini conferma il 4-4-2 e per la terza gara di fila schiera Montoya. Pioli risponde con il 4-1-4-1, ecco le formazioni ufficiali:

INTER 4-4-2: 1 Handanovic; 14 Montoya, 25 Miranda, 24 Murillo, 12 Telles; 11 Biabiany, 83 Melo, 17 Medel, 44 Perisic; 9 Icardi, 10 Jovetic.

A disposizione: 30 Carrizo, 5 Jesus, 6 Dodò, 7 Kondogbia, 8 Palacio, 13 Guarin, 21 Santon, 22 Ljajic, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 77 Brozovic, 97 Manaj.
Allenatore: Roberto Mancini

LAZIO 4-1-4-1: 99 Berisha; 29 Konko, 33 Mauricio, 2 Hoedt, 26 Radu; 20 Biglia; 87 Candreva, 21 Milinkovic, 16 Parolo, 10 Felipe Anderson; 17 Matri.
A disposizione: 55 Guerrieri, 66 Matosevic, 4 Patricio, 5 Braafheid, 6 Mauri, 9 Djordjevic, 14 Keita, 23 Onazi, 32 Cataldi, 44 Prce, 70 Oikonomidis.
Allenatore: Stefano Pioli

Arbitro: Mazzoleni
Assistenti: Di Liberatore, Preti
IV uomo: Meli
Assistenti addizionali: Rizzoli, Di Bello

melo rigoreSi comincia con un dribbling-brivido di Handanovic che si fa soffiare palla da Matri, ma non c’è nessuno in area per approfittarne. Poi un lancio di 50 metri di Jovetic per Perisic, che controlla male in corsa e favorisce l’uscita di Berisha. Al 5′ la Lazio sblocca su calcio d’angolo, difesa nerazzurra sorpresa dallo schema e gran tiro di Candreva. L’Inter fatica, Milinkovic e Parolo schermano Melo e Medel, mentre Candreva e Anderson ripiegano bene, ma è anche la lentezza della manovra dell’Inter che favorisce il ricompattamento difensivo dei laziali, spesso si va al lancio lungo con Miranda. In fase di possesso invece Biglia gode di buona libertà e soffre solo quando Medel si alza a pressarlo, ma il cileno ha già il suo bel da fare nel raddoppiare Anderson nel tentativo di aiutare un Montoya in netta difficoltà. L’unico a giocare con personalità è Telles, le sue iniziative sono l’unica cosa degna di nota del primo tempo, che si chiude con Candreva che si mangia il raddoppio dopo un’ennesima palla persa da Melo.

L’Inter rientra in campo dall’intervallo più intraprendente, oltre alle sortite di Telles, ora anche Biabiany e Perisic perlustrano zolle nuove e i nerazzurri conquistano una pericolosa punizione in area (Berisha raccoglie di mano un retropassaggio a dire il vero involontario di Radu), ma il tiro di Telles è sventato da Berisha. La squadra però è lunga, divisa in due tronconi con i quattro difensori e i due mediani da una parte e le due ali e i due attaccanti dall’altra con il muro Candreva-Milinkovic-Parolo-Anderson in mezzo a bloccare i rifornimenti. Mancini decide così di cambiare inserendo Brozovic e Ljajic al posto di Jovetic e Biabiany. L’Inter si dispone così:

Handanovic; Montoya, Miranda, Murillo, Telles; Medel, Melo, Brozovic; Perisic, Icardi, Ljajic.

E’ un 4-3-3 con una catena di sinistra completamente imprevedibile, con Ljajic che si accentra creando lo spazio per Telles e Brozovic che si allarga in fascia, diventa un 4-4-1-1:

Handanovic; Montoya, Miranda, Murillo, Telles; Perisic, Medel, Melo, Brozovic; Ljajic; Icardi.

Il pari arriva al 61′, finalmente la squadra è stretta e corta sugli sviluppi di una spigolosa rimessa laterale per la Lazio, Telles recupera palla, Murillo verticalizza per Perisic che di prima lancia a rete Icardi che non sbaglia. L’Inter vive di sprazzi, ora è in partita, ma continuano gli errori e i portieri sono inoperosi. Nel finale però Melo diventa protagonista in negativo, prima regala un rigore alla Lazio con un intervento scomposto e inutile in area su Milinkovic, poi si fa espellere per un intervento scriteriato su Biglia. Intanto Candreva realizza il vantaggio in tap-in dopo la prima parata di Handanovic sul rigore. Anche la Lazio in dieci per il doppio giallo a Milinkovic, si gioca fino al 97′, ma sono più le interruzioni che altro.

INTER-LAZIO 1-2
Marcatori: Candreva (5′), Icardi (60′), Candreva (86′)

INTER 4-4-2: 1 Handanovic; 14 Montoya, 25 Miranda, 24 Murillo, 12 Telles (87′ Palacio 8); 11 Biabiany (57′ Brozovic 77)  83 Melo, 17 Medel, 44 Perisic; 9 Icardi, 10 Jovetic (57′ Ljajic 22).
A disposizione: 30 Carrizo, 5 Jesus, 6 Dodò, 7 Kondogbia, 13 Guarin, 21 Santon, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 97 Manaj.
Allenatore: Roberto Mancini

LAZIO 4-1-4-1: 99 Berisha; 29 Konko, 33 Mauricio, 2 Hoedt, 26 Radu; 20 Biglia; 87 Candreva (94′ Patricio 4), 21 Milinkovic, 16 Parolo, 10 Felipe Anderson (82′ Keita 14); 17 Matri (74′ Djordjevic 9)
A disposizione: 55 Guerrieri, 66 Matosevic, 5 Braafheid, 6 Mauri, 23 Onazi, 32 Cataldi, 44 Prce, 70 Oikonomidis.
Allenatore: Stefano Pioli

Ammoniti: Biglia (49′), Biabiany (55′), Milinkovic (66′), Candreva (91′)
Espulsi: Melo (90′), Milinkovic (92′)

Recupero: 1′ – 5′

Arbitro: Mazzoleni
Assistenti: Di Liberatore, Preti
IV uomo: Meli
Assistenti addizionali: Rizzoli, Di Bello

, ,

Lascia un commento