Il bello e la bestia

icardi kovacic stjarnanIcardi e Kovacic, due amici, due giovani promesse del pallone, due gioielli nerazzurri. Fino a qualche tempo fa. Ora c’è Icardi, il ragazzo preso d’assalto dai tifosi a caccia di autografi, corteggiatissimo da tutte le big d’Europa, filantropo, padre di famiglia, che non si nasconde non promettendo fedeltà eterna alla maglia perchè ha gli attributi. E poi c’è Kovacic, che a dirla tutta porta un po’ sfiga, è brutto, è preso d’assalto solo dai creditori e se l’Inter lo vendesse è la volta buona che torniamo a vincere. Così almeno leggendo sui giornali e in rete. Ma poi sono i tifosi che non hanno il senso della misura.

2 thoughts on “Il bello e la bestia

  1. Sono gli stessi “grandi esperti di calcio” che avevano bollato Coutinho come un giocatore da calcetto e 15 anni fa massacravano Pirlo perchè era molle e senza personalità!
    Nel secondo caso ci ha pensato poi quel genio di Tardelli a dargli la mazzata finale non facendolo mai giocare mentre perlomeno con i soldi di Coutinno (adesso vale almeno il triplo) abbiamo preso Kovacic.
    E adesso c’è più di qualcuno che lo vuole vendere dopo un’annata balorda come questa per tanti motivi.
    La cessione del croato sarebbe l’ennesimo errore clamoroso di una dirigenza incompetente e peserebbe come un macigno anche sulle spalle di Mancini.
    A lui piacciono centrocampisti fisici e di stazza, questo è notorio, ma nel caso di Kovacic deve rivedere le sue idee e farlo giocare a centrocampo.
    Xavi e Iniesta che per anni hanno formato il centrocampo più forte al mondo non mi sembra che siano alti un metro e 90!!

  2. Un giorno ti parlano male di Kovacic. Il giorno dopo danno la notizia che lo vuole il Real. Poi tornano a parlare male di Kovacic. Il giorno dopo danno la notizia che lo vuole il Liverpool. Poi ancora a parlare male di Kovacic. Il giorno dopo danno la notizia che è nel mirino del Barcellona. Il giorno dopo tornano a parlare male di Kovacic. Praticamente è come se facessero cosi, i giorni pari sono quelli in cui dicono di venderlo… i giorni dispari sono quelli in cui ti ridono dietro… e la cosa strana è che non sembrano neanche farlo apposta.. sono semplicemente scemi..

Lascia un commento