Partita

Gracias Garcia

Dopo un mese si torna ai tre punti, un autogol sblocca l’incombente 0-0. Poche occasioni, tanti problemi, non solo fisici, ma di gioco, ma vincere fa morale.

Le azioni principali del primo tempo

3′ Cross di Zanetti, schiaccia di testa Palacio, centrale, blocca Ujkani. 11′ Gargano lancia Milito, tiro deviato in corner da un difensore. 29′ lancio di Cambiasso, Milito si libera, tiro a virgola fuori. 31′ Corner, palla messa fuori, scocca al volo Cambiasso, centrale, para Ujkani. 33′ Ilicic doppio passo e dribbling su Gargano e tiro dal vertice sinistro, fuori. 43′ Lancio di Samuel, Palacio sulla destra, cross, Cou in controtempo. 44′ Milito mette giù in area, tiro deviato in corner.

 

Il Primo tempo

 

 

Il duello Jesus-Ilicic

1′-10′ Atteggiamento diverso in fase difensiva, ottimo inizio, si pressa e si morde, ma durerà poco. Milito apre varchi per Coutinho, dall’altra parte Dybala fa reparto molto bene, il Palermo attacca da sinistra. Coutinho molto curato dalla difesa rosanero.

10′-20′ Ritmi più bassi, Palermo in controllo, tiene palla, Dybala prende e tira ma è sempre rimpallato. L’Inter imposta con Ranocchia, Cambiasso invece è sempre pressato da Barreto e ha poco spazio di manovra. Coutinho dopo un buon inizio si è un po’ spento ed è poco reattivo, ma al 18′ va in pressing, ruba palla e costringe al giallo Barreto. Giallo importante perchè Barreto è il principale distruttore di gioco del Palermo.

20′-30′ L’Inter non riesce ad attaccare l’area: Milito e Palacio si sfiancano sugli esterni ad aprire gli spazi, ma nessun centrocampista va in profondità, nemmeno Coutinho, che è bravo con la palla tra i piedi, ma segue poco l’azione quando non ha la palla. E’ anche vero che le rare volte che l’Inter riesce a ripartire in verticale rapidamente, gli attaccanti non sfruttano la situazione di uno contro uno. Partita involuta e imbruttita, s’ingrossa il conto dei passaggi sbagliati.

30′-45′ I primi fischi al 35′ scuotono la squadra che aumenta il ritmo e l’intensità, ma solo per un paio di minuti. Negli ultimi due minuti il Palermo si allunga e l’Inter finalmente trova qualche spazio, ma non lo sfrutta a dovere. Finisce il primo tempo, centrocampisti e attaccanti devono trovare il modo di legare di più o non se ne esce. Il Palermo fa la stessa partita degli ultimi avversari dell’Inter, con gli attaccanti che rientrano in difesa, Ilicic è ovunque, e poi ripartenze a tutta squadra, ma la qualità è carente.

 

Le azioni principali e le sostituzioni del secondo tempo

 

Milito

52′ Bella combinazione sul centrosinistra Palacio-Cou-Milito e tiro di Cou fuori, sbilanciato da un difensore. 58′ cross basso di Samuel, doppia conclusione di Ranocchia, prima al volo rimpallato, poi alto di controbalzo. I due centrali erano rimasti in proiezione offensiva dopo un corner. 63′ Guarin sostituisce Milito, Nagatomo sostituisce Zanetti. 67′ Giorgi prende il posto di Brienza. 73′ un aiuto dal cielo, cross dalla trequarti destra di Ranocchia, Garcia in spaccata spiazza il proprio portiere e palla che si adagia in rete, 1-0. 78′ Zahavi per Dybala 80′ Mariga per Cambiasso.

 

 

autogol palermo

L'incredibile autogol

Il secondo tempo

45′-55′ L’Inter stringe di più i tempi e riesce ad intensificare le azioni, il palermo si chiude e riparte senza pungere.

55′-65′ Situazione nuovamente ingarbugliata, i nerazzurri sono nuovamente avvolti nei propri problemi di gioco, acutizzati dalla stanchezza di molti giocatori: Milito, Palacio, Cambiasso in particolare.

65′-75′ Con i cambi si passa al 3-4-3 o 3-4-2-1 con Guarin (centrodestra) e Coutinho (centrosinistra) che affiancano Palacio in attacco (con quest’ultimo che ora parte dal centro per sganciarsi a sinistra) e Cambiasso incursore che inizia a farsi vedere in area. Nagatomo subito spina sulla destra. Palermo schiacciato nella propria trequarti. Il gol è una manna dal cielo. Inter fortunata.

75′-94′ L’Inter riesce a spezzettare il gioco e ad assopire la partita. Si chiude con il 3-5-2, anche se Guarìn mezz’ala destra rimane spesso alto e il centrocampo di fatto a 2 con Mariga (vertice basso) e Gargano è un rischio. Comunque il palermo si avvicina all’area solo un paio di volte, Jesus libera in un’occasione e Pereira recupera palla nell’altra. L’ultimo tentativo rosanero è chiuso da Samuel.

 

Periodo di difficoltà, Inter fortunata, ma il gol arriva in un momento di pressione effettiva da parte dei nerazzurri. I 3 punti danno morale, i problemi rimangono, e non è solo una questione di condizione fisica, senza Cassano la squadra ha un raggio di soluzioni ridotte.

Le formazioni

Inter 1 73′ aut. Garcia

1 Handanovic; 23 Ranocchia, 25 Samuel, 40 Juan Jesus; 4 Zanetti (19′ st Nagatomo), 21 Gargano, 19 Cambiasso (36′ st Mariga), 31 Pereira; 7 Coutinho; 8 Palacio, 22 Milito (19′ st Guarin)

Palermo 0 

1 Ujkani, 6 Munoz, 25 Von Bergen, 29 Garcia; 89 Morganella, 5 Barreto, 28 Kurtic, 31 Pisano; 27 Ilicic (32′ st Budan), 21 Brienza (23′ st Giorgi), 9 Dybala (34′ st Zahavi)

Tags: