Editoriali / Top

Gli indifendibili

Il giorno dopo la figuraccia epocale di Tottenham si possono ripartire le colpe in maniera uguale? Si può prendersela con gli Alvarez e i Pereira o forse sarebbe il caso di chiedere conto a chi ha speso cifre importanti per questi giocatori? Si può attaccare Ranocchia quando davanti a lui Cambiasso offre una prestazione patetica non dando nessuna copertura? Si può accusare Stramaccioni di non saper dare grinta a questa squadra quando Moratti definisce Cassano un’artista? Si può chiedere a Stramaccioni di panchinare senatori che non si reggono in piedi quando Moratti, ormai senza nessun contatto con la realtà, li definisce “insostituibili”? Zanetti e Cambiasso in passato li ho difesi strenuamente da attacchi che ritenevo eccessivi, ma non si può difendere l’indifendibile. Il capitano ha infilato un mese e mezzo di fila di partite indecorose, senza vedere mai la panchina, Cambiasso se gioca dal primo minuto affoga ed è un vero uomo in meno, nel 2013 è stato determinante solo un paio di volte entrando nei minuti finali. La cantilena del siamo ad un punto dalla zona champions è irritante, per non parlare della scusa degli infortunati. Anche in queste cose si vede il ridimensionamento, in mentalità prima ancora che in termini economici e di obbiettivi, e la crescente provincializzazione della squadra che si chiama Internazionale.

Tags: ,