Le altre

Febbre a 90 per l’Arsenal

highbury

L'ex stadio dell'Arsenal, Higbury

La mia simpatia per l’Arsenal è antecedente a quel stupendo Milan-Arsenal 0-2 di tre anni fa, nel quale i rossoneri furono annichiliti dai gunners con le reti di Cesc Fabregas e Adebayor. Infatti risale agli anni ’90, quando lessi febbre a 90, libro autobiografico dello scrittore, ma soprattutto tifoso dei gunners, Nick Horbny.

Riprendendo in mano il libro nel giorno di Milan-Arsenal, ho ritrovato la stessa freschezza e la stessa empatia per questo libro e per l’autore di quando lo lessi. Il libro è la vita di un tifoso come indissolubile legame con la propria squadra, scritto con la giusta dose di autoironia, ma allo stesso tempo sincerità, senza esagerare quello che può apparire esagerato e invece nelle parole di chi vive il tifo appare come normale e non tanto normale allo stesso tempo. Nick Horbny non pretende di essere il primo tifoso dell’Arsenal, e nemmeno il libro è una delle tante autobiografie di Hooligans che in Inghilterra sono dei best-sellers, ma è la vera storia sui generis di un vero tifoso dell’Arsenal raccontata in un lasso di tempo lunghissimo, da quando era ragazzino alla fine degli anni ’60, fino all’età matura, accompagnato dai disastri della sua squadra, in anni in cui l’Arsenal non vinceva nulla, almeno fino alla fine degli anni ’80.

 

Highbury

Una suggestiva immagine dell'Ighbury

Ecco uno stralcio del libro, edito da Guanda

“Tuttavia, non furono le dimensioni della folla che mi colpirono maggiormente, o il modo in cui gli adulti potevano gridare la parola “COGLIONE!” forte quanto volevano, senza attirare l’attenzione di nessuno. Ciò che più mi colpì fu proprio quanto la maggior parte degli uomini intorno a me odiasse, veramente odiasse, essere là. Per quel che riuscivo a giudicare, nessuno sembrò trarre piacere, nel senso in cui io intendevo la parola, da niente di ciò che accadde in tutto il pomeriggio. A pochi minuti dal fischio d’inizio ci fu una vera rabbia (“Sei una VERGOGNA, Gould, una VERGOGNA!” “Cento sterline a settimana? CENTO STERLINE A SETTIMANA? Dovrebbero darle a me per guardarti”); man mano che il gioco continuò, la rabbia si trasformò in indignazione, e poi sembrò coagularsi in un torvo, silenzioso disagio.”

 

 

Tags: , ,