Editoriali

Contro il calciomercato

fassone ausilio 2Cinque giorni alla fine del calciomercato e non so voi, ma io dico finalmente. Come ha detto Delio Rossi, è indecente avere il calciomercato aperto a campionato iniziato, se poi ci mettiamo che l’Inter è ancora a metà strada nella costruzione della rosa, che la telenovela Perisic le ha battute tutte per lunghezza e tedio e che non ne posso più di vedere la faccia di Di Marzio, capite che la sopportazione è al limite. Per il tifoso interista è stato un mercato davvero particolare, le prime tre settimane di giugno lo hanno visto sommerso da nomi e trattative rivelatesi fallaci, poi l’accellerata improvvisa: in rapida successione sono arrivati Kondogbia, Miranda e Montoya alzando il tasso di entusiasmo, arricchito dalla beffa elargita a Galliani nell’affair Kondogbia. A questo punto, eravamo intorno al 3 luglio, veniva annunciato l’imminente arrivo di Perisic. Siamo ancora qui che aspettiamo. “E’ fatta per Perisic” è diventato il motivetto dell’estate e forte è il sospetto che il Wolfsburg, dopo averci buttato fuori dalla coppa, si stia divertendo a prenderci per il naso. Intanto Mancini ha parlato chiaro, vuole due attaccanti, un centrocampista e un terzino sinistro. Thohir ha ribadito che prima si vende, ma forse sarebbe stato opportuno un suo intervento in prima persona verso i numerosi “riottosi” che rifiutano ogni trasferimento e hanno contribuito così alla cessione di Kovacic e Shaqiri, sempre che sotto sotto al mancio non andasse bene così, fuori dalle lacrime pubbliche. E ora eccoci qui, siamo tentati di fare una cosa controcorrente, non riportare più voci, trattative, ma dare solo notizie ufficiali con firme in calce e sorrisi davanti ai fotografi. Vedremo.