Editoriali / Top

Come nasce l’Inter di Thohir

Val la pena tornare sulle parole di Moratti su Mazzarri, non tanto per l’azzardato paragone con Mourinho che si commenta da solo, ma su quando Moratti afferma che la scelta è caduta su Coppa di Toscana per “i risultati sportivi”. Questo ha davvero dell’incredibile, e ritorna in mente quando parlammo di ridimensionamento nell’ultima parte dell’era Moratti, perchè considerare da Inter uno che in carriera ha ottenuto un secondo posto con Cavani e Hamsik, una coppa Italia e due colossali figuracce europee, a meno che Moratti non si riferisse alla salvezza con la Reggina, che a sentire certi commentatori pare essere stata la più grande impresa della storia del calcio, credo davvero che dica tutto. E si consideri che Mazzarri ha ottenuto uno stipendio come se avesse un palmares internazionale non secondo ad Ancelotti e Mourinho e invece ha vinto una Coppa Italia. Ma perchè questo innamoramento? Credo che la mitizzazione di Mazzarri si alimenti perchè finchè ci sarà lui sulla panchina quest’Inter sarà considerata in larga misura l’Inter di Moratti e non di Thohir. Mazzarri è infatti l’ultima scelta di Moratti e Branca e il giorno che il tecnico sarà esonerato si potrà dire che l’era Moratti sarà tramontata definitivamente e l’era di Thohir sarà sorta del tutto, viceversa finchè ci sarà Mazzarri non si potrà parlare pienamente di Inter di Thohir.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,