Calciomercato

Calciomercato, facciamo il punto

murilloMancano sette giorni alla fine del calciomercato e la situazione rimane sempre molto movimentata per l’Inter. Ieri è arrivata l’ufficialità dell’acquisto di Brozovic, il centrocampista arriva dalla Dinamo Zagabria in prestito biennale con obbligo di riscatto condizionato. Operazione da 8 milioni. Facciamo allora il punto delle uscite e delle entrate, oltre che degli obbiettivi delle ultime ore.

Agli ordini di Mancini il primo ad arrivare è stato Podolski, in prestito di sei mesi dall’Arsenal. Poi il colpo Shaqiri l’8 gennaio, anche lui in prestito, ma con obbligo di riscatto a 14 milioni dal Bayern Monaco. Dopo una decina di giorni d’impasse il mercato dell’Inter si è sbloccato di nuovo, prima in uscita con la cessione di Mbaye al Bologna in prestito con riscatto a 2,5 milioni in caso di promozione dei felsinei. L’Inter si è poi privata anche di Duncan, che era in prestito alla Sampdoria che lo ha riscattato per tre milioni. E’ arrivata anche la risoluzione del contratto di M’Vila, anche se non c’è ancora l’ufficialità. E’ poi scoppiata la grana Osvaldo, il giocatore dopo aver messo le mani addosso a Mancini nel post Juve-Inter è stato messo fuori rosa e in vendita, ma ha rifiutato diversi trasferimenti e ora le due parti andranno in causa. La società ha invece rifiutato un’offerta dell’Amburgo per Kuzmanovic di 5-6 milioni, ritenendola troppo bassa. Come detto è arrivato Brozovic e ora sono ore calde per l’acquisto del difensore centrale del Grenada Murillo, gli spagnoli però lo cederanno solo a giugno, anche se l’Inter sta facendo un tentativo per portarlo a Milano subito. Potrebbe anche sbloccarsi l’affare Diarra, il centrocampista in causa con la Lokomotiv Mosca potrebbe arrivare a parametro zero già domani. Sfumati invece gli acquisti di Cerci, Leiva e Suarez.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,