Calciomercato, facciamo il punto

murilloMancano sette giorni alla fine del calciomercato e la situazione rimane sempre molto movimentata per l’Inter. Ieri è arrivata l’ufficialità dell’acquisto di Brozovic, il centrocampista arriva dalla Dinamo Zagabria in prestito biennale con obbligo di riscatto condizionato. Operazione da 8 milioni. Facciamo allora il punto delle uscite e delle entrate, oltre che degli obbiettivi delle ultime ore.

Agli ordini di Mancini il primo ad arrivare è stato Podolski, in prestito di sei mesi dall’Arsenal. Poi il colpo Shaqiri l’8 gennaio, anche lui in prestito, ma con obbligo di riscatto a 14 milioni dal Bayern Monaco. Dopo una decina di giorni d’impasse il mercato dell’Inter si è sbloccato di nuovo, prima in uscita con la cessione di Mbaye al Bologna in prestito con riscatto a 2,5 milioni in caso di promozione dei felsinei. L’Inter si è poi privata anche di Duncan, che era in prestito alla Sampdoria che lo ha riscattato per tre milioni. E’ arrivata anche la risoluzione del contratto di M’Vila, anche se non c’è ancora l’ufficialità. E’ poi scoppiata la grana Osvaldo, il giocatore dopo aver messo le mani addosso a Mancini nel post Juve-Inter è stato messo fuori rosa e in vendita, ma ha rifiutato diversi trasferimenti e ora le due parti andranno in causa. La società ha invece rifiutato un’offerta dell’Amburgo per Kuzmanovic di 5-6 milioni, ritenendola troppo bassa. Come detto è arrivato Brozovic e ora sono ore calde per l’acquisto del difensore centrale del Grenada Murillo, gli spagnoli però lo cederanno solo a giugno, anche se l’Inter sta facendo un tentativo per portarlo a Milano subito. Potrebbe anche sbloccarsi l’affare Diarra, il centrocampista in causa con la Lokomotiv Mosca potrebbe arrivare a parametro zero già domani. Sfumati invece gli acquisti di Cerci, Leiva e Suarez.

6 thoughts on “Calciomercato, facciamo il punto

  1. Posso fare io il punto del mercato? Piu compriamo e piu partite venderemo. Ci si finisce decimi con tanto da spendere il prossimo mercato augurandoci una buona prossima stagione. Invece in coppa italia e uefa ce la gioceremo fino alla fine e partite schifose come quella contro l’Empoli e Torino non se ne vedranno.

  2. Il nostro calciomercato è come al solito disarmante. Io sostengo da sempre fermamente che la parte migliore di questi colori siamo noi, che non ci abbattiamo mai e che nonostante tutto riusciamo a sostenere sempre e comunque questa squadra da tantissimi anni ormai guidata da dirigenti incompetenti ed improvvisati. Ciò che ha portato il mio fegato a dimensioni abnormi è una serie di aspetti:
    1) Icardi. Giocatore formidabile per come inquadra la porta e per il fiuto del goal… praticamente nullo sia tatticamente che come aiuto alla squadra, soprattutto quando accenna a quei finti pressing (prenda spunto da Palacio, che sta giocando praticamente zoppo). La dirigenza se vuole può venderlo anche domani mattina per poter inserire nello scacchiere gente più funzionale (vedi punto 2)
    2) Destro. Credo sia la cosa più umiliante degli ultimi anni. Un bomber fenomenale che ha una media goal strepitosa e che paga soltanto la difficile collocazione nel tridente anomalo di Garcia (dove non dimentichiamocelo, a tratti Gervinho ha anche giocato come punta centrale o Lijaic come falso nove). Cresciuto nel vivaio nerazzurro, giovane, italiano, poteva essere preso anche a parziale inversione di rotta delle politiche manciniane-mourinhane-morattiane (meglio l’uovo oggi che la gallina domani)
    3) Collocazione tattica discutibile dei nuovi Shaqiri e Podolski. Il primo sarebbe un ottimo trequartista, sulla fascia lo si limita del 40%; il secondo ha un ottimo senso tattico ma non ha attualmente il passo per giocare sull’esterno, sarebbe meglio come una delle due punte. (non dimentichiamoci che Shaqiri lo voleva mezza Europa, la metà delle squadre per fargli fare il trequartista e non l’ala)

    L’unica nota decisamente apprezzabile è a mio avviso l’acquisto di Brozovic, che si rivelerà essere un grandissimo affare e che vedrà il giocatore imporsi come uno dei migliori centrocampisti d’Europa; cosa che potrebbe accadere anche per Kovacic se solo lo vedremo schierato con continuità nel suo ruolo e non spalle alla porta come qualcuno ha fatto giustamente notare su questo blog.

    Non illudiamoci che Mancini sia il salvatore della patria. Non dimentichiamoci i limiti che spesso e volentieri ha palesato nella sua precedente gestione neroazzurra, limiti sia caratteriali che tecnico-tattici (vi ricordate sulle palle inattive e la difesa a zona sulle stesse? deja vu!).

    1. Salve

      Io volevo dire qualcosina, secondo me noi interisti siamo una razza di tifosi piu unica che rara..
      Sono il primo ad avere criticato e a criticare la società quando le combina grosse che piu grosse non si puo..(vedi mazzarri e vari disastri connessi).
      Però signori quando si dice che per costruire una squadra ci vuole tempo .. significa tempo!!!! Non si puo dopo ogni partita giocata male disfare tutto.. CALMA… lasciamo un attimino lavorare Mancini e societa che comunque hanno dimostrato di muoversi e di avere idee per provare a costruire qualcosa..
      Prima cosa non è vero E’ UNA BALLA COLOSSALE QUANDO SI DICE CHE SHAQUIRI sia solo trequartista, anzi il meglio o da quando parte dall esterno..E poi volevo dimandare ma con la sampdoria lo avete visto relegato sulla fascia o agire su tutto il fronte dell attacco ???
      partire esterno non vuol dire che sara fisso la…IL fatto che non abbia giocato bene dipende dalla forma… uguale vale per il tedesco… cavoli lasciamo un mese di tempo a sta gente per entrare in forma e capire dove meglio posizionarsi e poi si potra giudicarli….Sento parlare di destro ma voi vi immaginate critica e tifosi per primi se per caso l inter avesse ceduto icardi e preso destro e le partite con empoli e torino fossero finite con 0 gol???????? avremmo letto societa imcopetente come si fa a cedere icardi per destro……
      A me icardi non piace.. ma non mi e mai piaciuto neppure quando segnava 2 gol a partita!!!
      Mancini non e uno stupido e nessuno come lui sa capire e sfruttare al meglio i giocatori e trvarne le posizioni piu indicate…
      ZANETI CHI LO STRASFORMO IN MEDIANO ?? CAMBIASSO CHI LO HA VOLUTO?? JULIO CESAR CHI LO FECE TITOLARE PRENDENDOSI DEL COGLIONE DA PARTE DELLA CRITICA PERCHE NON FACEVA GIOCARE TOLDO??
      SAMUEL CHI LO HA VOLUTO?? E VOGLIAMO PARLARE DI MAICON?????????????
      DIAMO A MANCINI TUTTO IL TEMPO CHE HA AVUTO MAZZARRI E POI ALLORA POTREMO CRITICARE QUALITA DEL GIOCO E MEDIA PUNTI!!!!!!!!

  3. Sei partito in quarta Stefano e secondo me hai fatto anche bene perchè è vero che per certi versi siamo un popolo così. Ma a proposito di Mancini continuo a dire che siamo un popolo che ha anche la memoria molto ma molto corta

Lascia un commento