Calcio estero

Ai tempi di Santon

di Lupo

 

Qualche giorno fa ho letto che la Premier League è il campionato più seguito nel mondo perchè considerato il più affascinante e coinvolgente. La riprova si è avuta sabato con l’incontro tra Tottenham e Newcastle. Entrambe venivano da una significativa striscia positiva, specie gli Spurs allenati da Villa Boas, mentre il Newcastle aveva battuto la scorsa settimana il Chelsea. Da rimarcare il fatto che sono buone squadre, ma non hanno grandi campioni a parte Bale, grande atleta e a volte, come oggi, pressochè incontenibile. Eppure il loro gioco è fatto di velocità, continui smarcamenti, soprattutto senza tatticismi: si può segnare, ma anche subire a vantaggio dello spettacolo e per questo piace al pubblico e ai loro fans. Ha vinto il Tottenham 2-1, ma la gara è stata in bilico fino all’ultimo: Bale ha segnato una doppietta ed ha mancato per un soffio altri 3 gol. E pensare che era candidato ad essere acquistato dall’Inter!
A proposito di beneamata nel Newcastle giocano in difesa Debuchy e Santon. Il primo era tra i possibili acquisti durante il mercato estivo: trattasi di giocatore coriaceo, non un grande campione, ma sa attaccare e difendere, decisamente meglio di Jonathan e dello Schelotto sinora visto, certamente non costoso visto che è approdato al Newcastle. Ancor più sorprendente la situazione di Santon: era il pupillo di Mourinho, ha attraversato una fase involutiva al punto che la Società l’ha venduto al Newcastle dopo una parentesi al Cesena. L’anno scorso l’ho visto giocare modestamente forse soffrendo l’essere stato liquidato in modo repentino oltre che trovarsi in un campionato molto diverso:

Quest’anno la trasformazione: buone partite, maggiore personalità, fisico più solido, al punto di essere stato convocato da Prandelli in Nazionale. Non valeva la pena aspettare un poco tenuto conto anche della sua età? Certamente ora è meglio di un certo Pereira e costava molto meno.

A proposito di presidenti contestati, il Chelsea ha vinto 4-1 con il Wigan e Lampard ha segnato la sua sesta rete nelle ultime 8 gare cioè da quando gli è stato chiesto di trovarsi un’altra squadra. I tifosi sono insorti e Abramovich ha rinnovato il contratto a Lampard! (che ha raggiunto 198 reti realizzate in carriera).

Hart, che papera

Nella lotta per il primato da registrare il tracollo del City in casa del Southampton: 3-1 il risultato finale con una clamorosa papera del portiere Hart ed una impensabile autorete di Barry, ma la squadra di Mancini ha giocato malissimo, forse la peggiore gara del campionato. E pensare che il Mancio aveva appena detto che dovevano vincere almeno 12 gare…E ora il Manchester United: con Mourinho in tribuna come osservatore, mercoledì ci sarà Real Madrid-United per la Champions, la squadra di Ferguson regola agevolmente l’Everton per 2-0 con reti di Giggs e “el segna semper lu” Van Persie che raggiunge così 26 reti tra campionato e coppe varie. Avviene tutto nel primo tempo così i Reds hanno potuto anche riposare un po’. Dopo questa giornata lo United vola a 12 punti di vantaggio su un City che appare un po’ allo sbando. Ma sappiamo che la Premier League piace anche perchè imprevedibile: Alla prossima.